Rifiuti, quattro aziende pugliesi pronte a subentrare alla Sia. Non c’è Amiu Puglia

Alla manifestazione di interesse appena conclusa per acquisire l’azienda dei Cinque Reali Siti si sono presentate 4 aziende: AMIU Trani, Barsa di Barletta, AMIU Taranto e Aseco.

Grande operatività in Ager per il futuro di Sia, l’azienda di nettezza urbana decotta del Consorzio cerignolano, attualmente commissariata con la presenza dell’avvocato Gianfranco Grandaliano.

Alla manifestazione di interesse appena conclusa per acquisire l’azienda dei Cinque Reali Siti si sono presentate 4 aziende: AMIU Trani, Barsa di Barletta, AMIU Taranto e Aseco. Con loro anche il sindaco di  Stornarella. Assente invece Amiu Puglia che raggruppa i Comuni di Bari e Foggia.
Tre aziende su 4- Aseco può solo gestire gli impianti e non la raccolta- hanno manifestato il loro interesse a prendersi Sia.

Acquisiranno tutte le carte dell’azienda e faranno una loro proposta. Grandaliano si è dato 48 ore di tempo per riaggiornare il tavolo.
Sceglierà in base alle garanzie offerte dalle aziende pubbliche e alla loro strategicità logistica. Solo in una seconda fase si aprirà la possibilità a chi era uscito dal Consorzio come il Comune di Margherita di aderire nuovamente, se interessati.