Valorizzare patrimonio archeologico: c’è l’intesa tra Unifg e Comune di Vieste. Ricerche all’isolotto S. Eufemia

Saranno illustrati i risultati dell’attività di studio e di ricerca sulla grotta di Venere Sosandra

Sarà presentato giovedì 7 novembre alle 11 nell’aula consiliare del Comune di Vieste, il Protocollo di intesa tra Università degli Studi di Foggia – Dipartimento Studi Umanistici – e Comune di Vieste per attività di ricerca e valorizzazione del patrimonio archeologico, convenzione che sarà sottoscritta nei prossimi giorni. A seguire conferenza stampa per illustrare i risultati dell’attività di studio e di ricerca sulla grotta di Venere Sosandra nell’isolotto di S.Eufemia antistante il porto di Vieste.

Una ricerca che si inquadra nell’ambito di un progetto di archeologia dei paesaggi adriatici costieri e subacquei, condotto da anni dall’équipe di Archeologia dell’Università di Foggia, coordinata da Giuliano Volpe, Danilo Leone, Maria Turchiano, sia sul versante apulo che sul versante dell’opposta sponda adriatica. Alla conferenza stampa di giovedì 7 novembre  prenderanno parte il sindaco di Vieste, Giuseppe Nobiletti, l’assessore alla Cultura, Graziamaria Starace,  Giuliano Volpe, docente di Archeologia presso l’Università di Foggia, Donatella Pian, funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province Bat e Foggia, Andrea Fratta di ArcheoLogica srl, Mario MazzoliBernardino Rochi e Marco Vitelli di Archeologia, Subaquea, Speleologia, Organizzazione (ASSO) Roma, Massimo D’Alessandro e Stefano Barbaresi (Studio Blu Roma).