Scontri tra ultras di Nocerina e Foggia, tre arresti. Nel bilancio anche due agenti feriti

Le tifoserie sono entrate in contatto quando, all’arrivo della carovana di bus e pulmini proveniente dalla Puglia, con a bordo 300 sostenitori foggiani, alcuni supporter della squadra di casa hanno cominciato a lanciare sassi contro i veicoli

Tre persone sono state arrestate dagli agenti del commissariato di Nocera Inferiore (Salerno) per gli scontri avvenuti domenica, 15 settembre, all’esterno dello stadio ‘San Francesco’ prima dell’inizio dell’incontro tra Nocerina e Foggia, valido per la terza giornata del campionato di serie D, girone H, terminato 2 a 0 per gli ospiti. Uno dei tre è anche accusato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale per aver provato oggi ad opporsi alle operazioni di arresto, ferendo un agente.

Gli scontri

Le due tifoserie sono entrate in contatto quando, all’arrivo della carovana di bus e pulmini proveniente dalla Puglia, con a bordo 300 sostenitori foggiani, alcuni supporter della squadra di casa hanno cominciato a lanciare sassi contro i veicoli. Negli scontri, sono rimasti feriti due agenti delle forze dell’ordine che hanno un trauma cranico provocato da una bottigliata, il secondo è rimasto stordito per l’esplosione di un petardo, con una prognosi rispettivamente di 15 e 10 giorni. Momenti di tensione si sono verificati anche dopo il triplice fischio finale del match.