Cis2? Tutolo presenta le sue idee ai pentastellati. “Mi piacerebbe rendere fruibili il fossato del Castello e l’area archeologica”

“Ci chiedono di fare qualcosa insieme a Foggia, ci vedremo ancora con Landella e i suoi assessori. Si può rispolverare qualcosa di Area Vasta, fare rete”

Incontro serrato ieri negli uffici di via Gramsci a Foggia tra il sindaco Antonio Tutolo e i portavoce a 5 Stelle alla Camera e al Senato, Marialuisa Faro, Carla Giuliano, Giorgio Lovecchio, Marco Pellegrini insieme alla consigliera regionale Rosa Barone. I parlamentari vogliono ritagliarsi un ruolo nella interlocuzione con le amministrazioni comunali per sollecitare nuove progettazioni da parte dei Comuni da presentare ad Invitalia. Se queste poi riusciranno ad essere inserite in un ipotetico Cis2 è ancora tutto da vedere, ma resta comunque la partecipazione e la selezione dal basso, che potrebbe poi seguire altri canali di finanziamento.

Su 61 Comuni solo 15 hanno beneficiato del Contratto Istituzionale di Sviluppo, in questa fase si privilegeranno soprattutto quei territori, che non sono riusciti a sedersi al tavolo della cabina di regia del presidente della Provincia Nicola Gatta, in particolare il Basso Tavoliere con Cerignola in testa, ma anche San Severo.

Stiamo valutando quello che vogliamo presentare – spiega il sindaco svevo Antonio Tutolo a l’Immediato – ci chiedono di fare qualcosa insieme a Foggia, ci vedremo ancora con Landella e i suoi assessori. Si può rispolverare qualcosa di Area Vasta, fare rete, a mio avviso, in alcuni casi è quasi automatico. Vedremo ragioneremo, il concetto è che se valorizzo la fortezza di Lucera, essa è al servizio non soltanto della mia comunità, ma di tutti i Monti Dauni e anche di Foggia. Sulla Fortezza ci sono molti investimenti, il mio sogno sarebbe anche quello di rendere fossato fruibile insieme a tutta l’area archeologica, che andrebbe musealizzata”.

A tal proposito il Comune di Lucera è dentro uno schema di collaborazione che include Mibac con il prof Giuliano Volpe e ben 5 Università, Siena, Napoli, Bari e Foggia, Pescara, insieme alla Sovrintendenza. “Ci sono le migliori energie che stanno confezionando questo progetto da candidare a finanziamento, sarebbe interessante inserirlo in un CIS 2”.

Al senatore Marco Pellegrini ha chiesto anzitutto di farsi portavoce della situazione del palazzo del Tribunale, tanto più che al ministero è stato riconfermato nel governo giallorosso il Ministro Bonafede. “Gli ho chiesto chiaramente quando pensano di restituirmi l’immobile, è normale che il Ministero della Giustizia occupi il bene di un altro e non si preoccupi della sua manutenzione?”, si chiede Tutolo pieno di sconcerto per una vicenda ormai paradossale e un palazzo storico lasciato all’incuria e al degrado.

Quel che è certo è che sarà messo a punto un progetto di valorizzazione e promozione turistica, con una messa in rete dei siti archeologici e architettonici comunali, foggiani e lucerini.