Foggia eccellenza mondiale, al Poligrafico via alla produzione di filigrane di alto livello

L’impianto negli ultimi anni è stato oggetto di importanti investimenti e piani di rilancio sia in termini di rinnovamento tecnologico e sviluppo di nuove attività di ricerca

Si chiamaValoridicarta S.p.A.” la nuova Società in house del Poligrafico e della Banca d’Italia che, dopo l’iter di accreditamento conclusosi positivamente da parte della Banca Centrale Europea (BCE), è destinata a realizzare carte filigranate di alto livello con elementi olografici di sicurezza e anticontraffazione, per la produzione di banconote e di documenti di riconoscimento, in particolare di passaporti.

La società Valoridicarta S.p.A., nata dall’accordo sottoscritto nel luglio 2018 dal Poligrafico e Zecca dello Stato e Bankitalia, si è ufficialmente costituita nel novembre 2018 secondo il modello dell’in-house providing. L’obiettivo è costituire in Italia un polo industriale di eccellenza attraverso un modello di produzione integrata – carta ed elementi olografici di sicurezza – che rende Valoridicarta unica nell’Eurosistema.

La produzione della carta speciale di sicurezza avverrà nel sito produttivo di Foggia che negli ultimi anni è stato oggetto di importanti investimenti e piani di rilancio sia in termini di rinnovamento tecnologico e sviluppo di nuove attività di ricerca.

“Qui, oltre 100 anni fa, è nata la prima Zecca dello Stato unitario italiano”ricorda oggi il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria. “E proprio qui oggi viene presentato il polo industriale che garantirà maggiore sicurezza alle “carte valori” grazie a sistemi più efficaci contro la contraffazione. L’iniziativa dimostra che le società pubbliche sono in grado di cogliere le sfide dell’innovazione tecnologica più avanzata e della competitività, i due elementi oggi cruciali per rafforzare la crescita dell’economia e al tempo stesso la tutela dello Stato e dei suoi cittadini.”

“L’ingresso della Banca d’Italia in Valoridicarta – afferma il Governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco – consente di cogliere importanti sinergie a livello Paese, assicurando alla Banca la possibilità di accrescere l’efficienza della propria stamperia e di rispondere con successo alle sfide produttive e tecnologiche dei prossimi anni.”

“Ritengo particolarmente significativo che un’Azienda di Stato, con una missione importante, quale quella di produrre “carte valori”, si sia riappropriata, internalizzandole, di attività sensibili e di competenze che, per ragioni di garanzia e tutela, devono essere mantenute nella sfera pubblica – dichiara Paolo Aielli Amministratore Delegato del Poligrafico –  Per questo motivo lo stabilimento di Foggia è per me molto di più di un sito di produzione, è diventato un esempio del modo in cui il Poligrafico intende ricoprire un ruolo determinante nello scenario dell’industria nazionale ed internazionale, come centro di competenza di riferimento per le soluzioni di sicurezza”.

Francesco Nicolò, Vice Capo del Dipartimento Circolazione monetaria della Banca d’Italia e Presidente della nuova società, sottolinea: “L’ingresso in Valoridicarta assicura alla Banca d’Italia la possibilità di accrescere l’efficienza della propria stamperia: integrare nel ciclo produttivo delle banconote in euro anche la produzione della carta consentirà infatti di avere un controllo diretto sull’intero processo, presidiando ancora meglio tempestività, qualità e costi delle forniture e realizzando allo stesso tempo importanti sinergie a livello di Paese”.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come