Quasi pronto il Pala Famila di Cerignola, Metta risponde alle accuse: “Io offeso, un giorno ci porterò i nipotini”

“Sono uscito vincitore da 4 giudizi intentati pretestuosamente – ha ricordato il primo cittadino -. Sono stato offeso in consiglio comunale da alcuni irresponsabili nascosti dietro le spalle degli inconsapevoli studenti”

“L’assessore Dercole mi informa che da domani e per due settimane si lavorerà all’interno del Pala Famila per l’ installazione degli arredi sportivi – annuncia il sindaco di Cerignola Franco Metta -. Dunque si avvicina a grandi passi il giorno in cui potremo materialmente consegnare alla città e alle società la struttura completa in ogni suo aspetto. Per arrivare a questo giorno mi hanno contestato, denunciato, offeso, inquisito. Sono uscito vincitore da 4 giudizi intentati pretestuosamente – ha ricordato -. Sono stato offeso in consiglio comunale da alcuni irresponsabili nascosti dietro le spalle degli inconsapevoli studenti. Lavorare per la pubblica amministrazione è difficile. A Cerignola ancora di più per la presenza di cretini fosforescenti inutilmente attivi. Alla fine il Palazzetto sta lì, ci giocheranno generazioni di cerignolani, se lo godranno migliaia di spettatori per anni e anni. Davanti c’è scritto in memoria di Salvatore Tatarella sindaco di Cerignola. Dentro campeggerà una gigantografia del Sindaco Tatarella. Ci porterò i miei nipotini, a cui non racconterò quante ne ho dovute passare, ma semplicemente dirò che questo lo abbiamo fatto, tanti di noi, teste dure, quando sindaco era vostro nonno”.



In questo articolo: