Il caso degli affidamenti sospetti in campagna elettorale, Landella a Cavaliere: “Chi ha sbagliato deve pagare”

Le parole del sindaco uscente dopo le dichiarazioni rilasciate questa mattina in conferenza stampa dai suoi rivali politici

“Sulla vicenda relativa all’affidamento del servizio di sportelli sociale ad associazioni di promozione sociale, io e Pippo Cavaliere siamo dalla stessa parte. Voglio dirlo chiaramente e senza alcun equivoco. Ieri ho dato disposizione al Segretario Generale di revocare tutte le determinazioni dirigenziali collegate al Piano Sociale di Zona adottate nel corso della campagna elettorale”. Così Franco Landella, sindaco uscente di Foggia replica alle dichiarazioni rilasciate questa mattina in conferenza stampa dai suoi rivali politici.

“Come ho già detto ieri – continua Landella – si tratta di un atto di carattere gestionale, di cui non avevo alcuna conoscenza e che è stato firmato da quello che è il responsabile dell’Anticorruzione del Comune di Foggia. I profili emersi questa mattina, di cui ero ignaro, impongono un approfondimento severo e serio, al fine di individuare ogni eventuale profilo di illegittimità, e di cui questo mi farò protagonista, assieme anche a Pippo Cavaliere, quali che siano i ruoli che ricopriremo reciprocamente dopo il 9 giugno. Lo dico senza giri di parole: chi ha sbagliato deve pagare. Senza se e senza ma”.



In questo articolo:


Change privacy settings