La filiera ittica e il pescato locale protagonisti alla Fiera a Foggia: laboratori del gusto e guida per visitatori

L’internazionale dell’agricoltura accoglie la manifestazione dedicata ai prodotti dell’acquacoltura e del pescato sostenibile. Quattro giorni di eventi per far conoscere e valorizzare una grande risorsa dell’economia pugliese

Il pesce e i prodotti dell’acquacoltura pugliese saranno la novità della 70° edizione della Fiera di Foggia Internazionale dell’Agricoltura e Zootecnia. Da domenica 28 aprile al 1° maggio gli spazi espositivi dell’ente fieristico ospiteranno una serie di eventi dedicati alla filiera ittica, alla valorizzazione del cosiddetto “pesce povero” e del pescato locale di stagione. Il programma, voluto dall’assessorato all’agricoltura, risorse agroalimentari e pesca della Regione Puglia, rientra nell’ambito della Mis. 5.68 del P.O. FEAMP (Programma Operativo del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) 2014/2020.

Ben nove gli eventi che animeranno le quattro giornate dedicate alla promozione del pescato locale di stagione. Si inizia domenica 28 alle 11 nella sala convegni con un incontro durante il quale amministratori, esperti e tecnici illustreranno lo stato dell’arte dell’FEAMP, i mezzi e le prospettive di sviluppo per l’intero settore in vista della nuova programmazione. All’appuntamento, che rientra nell’ambito delle Giornate di Comunicazione e promozione agli operatori, interverrà l’assessore all’agricoltura, risorse agroalimentari, caccia e pesca della Regione Puglia, Leonardo Di Gioia, Giovanni Pennisi, commissario Ente Fiera di Foggia, Aldo Di Mola, Responsabile Feamp Regione Puglia; Angela Petruzzella, Alleanza Cooperative Italiane; Giuseppe Scordella, Biologo Cogea srl; Caterina Dibitonto, Servizio Tutela Biodiversità Regione Puglia; Gianfranco Pazienza, Flag Gargano; Riccardo Rigillo, MIPAAFT.

Dalla parola al mare – Nel pomeriggio di domenica, dalle 17.30, appuntamento con il primo degli otto cooking show in programma in cui saranno coinvolti operatori del settore alberghiero, della ristorazione e del catering. Nella prima giornata, un’area di ben 100 mq ospiterà un corso di specializzazione, della durata di un’ora, destinato a venti cuochi e operatori di filiera.  I laboratori del gusto, guidati da chef specializzati, aperti alla partecipazione del pubblico, proseguiranno anche nei giorni successivi: da lunedì a martedì ben tre cooking show al giorno, alle 11, alle 16, e alle 17,30. Mercoledì 1 maggio, unica programmazione alle 11. Gli appassionati di cucina potranno cimentarsi ai fornelli nella preparazione di pietanze a base di pesce sotto l’attenta guida dei cuochi; abbinare vini pugliesi ai diversi piatti con il suggerimento di esperti sommelier.

Percorsi di tradizione, gusto e saperi. Per i visitatori della Fiera di Foggia sarà un’occasione per gustare piatti della tradizione locale a base di pesce preparati da chef stellati, ma anche un’opportunità per conoscere il pesce fresco locale di stagione, imparare a distinguerlo da quello importato. La degustazione guidata, infatti, sarà accompagnata da una serie d’informazioni utili al consumatore: dalla lettura delle etichette esposte nei punti vendita alle informazioni sulla tracciabilità, sulla certificazione, fino alle metodologie di pesca e dei processi produttivi sostenibili.

Cos’è il Feamp. È uno dei cinque fondi strutturali e di investimento europei (fondi SIE) che si integrano a vicenda e mirano a promuovere una ripresa basata sulla crescita e l’occupazione in Europa. Il FEAMP (Fondo per la politica marittima e della pesca) 2014-2020, come previsto dalla Politica Comune della Pesca, mira a creare nuove opportunità di occupazione e di crescita nelle zone costiere attraverso l’adozione di pratiche di pesca sostenibile. Nel P.O. FEAMP, la Regione Puglia ha una dotazione finanziaria di 89 mln di euro. Ad oggi la Regione ha attivato misure per due terzi del budget disponibile. La Puglia, con una flotta peschereccia di oltre 1.500 pescherecci, seconda per grandezza solo a quella siciliana, produce oltre 25 mila tonnellate di pescato, il 12,9% della produzione nazionale; nell’acquacoltura, con circa 13 mila tonnellate, rappresenta il 9% della produzione.

Sostenibilità e sviluppo.  Con la presenza del FEAMP alla Fiera di Foggia si aggiunge un tassello importante alla strategia di promozione e valorizzazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura sostenibile. Per far fronte .alla crescente domanda di prodotti ittici, e il progressivo depauperamento delle risorse marine, l’UE ha adottato dal 2014 una Politica Comune della Pesca che mira a ridurre le catture in mare e a mettere in pratica tutte le azioni per rendere la pesca sostenibile. La Regione Puglia, anticipando di ben due anni la direttiva europea, ha vietato l’uso della plastica monouso sulle spiagge.