Succede di tutto allo Zaccheria, 2-2 tra Foggia e Livorno. Due rigori sbagliati in un finale da thriller

Si complica la salvezza dei rossoneri dopo il pareggio nello scontro diretto contro i toscani. Sciupato un doppio vantaggio

2 a 2 il risultato finale al termine di un match al cardiopalmo tra Foggia e Livorno. Un autogol di Di Gennaro e una bomba di Kragl avevano portano avanti i padroni di casa nel primo tempo ma l’ex Gori nella seconda frazione di gioco va a segno due volte per gli ospiti. Mazzeo nel finale fallisce un calcio di rigore. Lo stesso fa Giannetti nel recupero. I rossoneri salgono timidamente a 31 punti in classifica e restano in piena zona retrocessione.

La cronaca

Mister Grassadonia conferma il 3-5-2 con Leali tra i pali; Loiacono, Billong, Ranieri a comporre il muro difensivo. Greco in cabina di regia ai suoi lati Gerbo e Busellato, sulle fasce Cicerelli e Kragl. In attacco la coppia Mazzeo e MatareseAtmosfera caldissima allo Zaccheria con oltre 12mila spettatori sugli spalti: spettacolare coreografia in curva Sud e Nord prima del calcio d’inizio. La gara è subito viva: il Foggia la sblocca al 7′ con un autogol di Di Gennaro (su tiro-cross di Cicerelli a cercare Mazzeo). 1 a 0 e i tifosi scoppiano di gioia. Poco dopo uno scatenatissimo Cicerelli avverte nuovamente Zima con un destro appena fuori. Al 20′ occasione per il Livorno: diagonale pungente di Raicevic, Leali dice no e respinge coi pugni. Al 39′ ciliegina di Olly Kragl: cross di Gerbo e botta col sinistro del tedesco a fulminare Zima. 2 a 0. Squadre negli spogliatoi sul 2 a 0.

Inizio ripresa con un cambio per gli ospiti, dentro Murilo fuori Rocca. Destro insidioso di Matarese, Zima dice no! Il Livorno ci prova con Raicevic che riceve palla da Diamanti ma Leali è attento e blocca in tuffo. Il Foggia sfiora più volte il gol: cross dalla sinistra di Mazzeo a cercare Matarese, ma l’aggancio non riesce. É Gerbo poi a mettere i brividi su corner di Kragl, la sfera termina di poco a lato. Nei toscani entra l’ex Gori al posto di Raicevic. Giallo per Murilo per fallo su Gerbo. Grassadonia si gioca la carta Iemmello al posto di Matarese (tanti applausi per lui). Al 68′ il Livorno accorcia le distanze: punizione di Diamanti e mancino di Gori che non lascia scampo: 2 a 1. Fuori anche Busellato, entra Agnelli. Al 76′ cross di Diamanti per l’imbucata vincente di Gori, che di testa fa subito 2 a 2 e gela lo Zaccheria. Nei rossoneri entra Deli al posto di Cicerelli. Calano i ritmi da parte dei padroni di casa, mentre i toscani prendono sempre più consapevolezza. Nel finale, per, rigore per il Foggia: Ranieri finisce a terra dopo un contatto con Luci. Mazzeo sul punto di battuta fallisce col mancino con Zima che in distesa dice no. Poco più tardi fallo in area dall’altra parte. Rosso per Billong per fallo da ultimo uomo su Giannetti. Proprio quest’ultimo va dal dischetto ma anche lui si fa ipnotizzare dal portiere. Leali para gettandosi alla sua destra. Il match si chiude oltre i 6 minuti di recupero. Termina 2-2, un pareggio che serve a poco ad entrambe le squadre.

Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/immediatonet