Autopsia Di Gennaro, tre i colpi esplosi dal killer verso il maresciallo. Sta meglio l’altro carabiniere

Il militare è stato raggiunto all’addome, al torace e ad un braccio

Effettuata l’autopsia su Vincenzo Carlo Di Gennaro, il maresciallo dei carabinieri ucciso sabato scorso a Cagnano Varano. Il militare è stato raggiunto all’addome, al torace e ad un braccio. Tre i colpi di pistola esplosi all’indirizzo della vittima da Giuseppe Papantuono, il 64enne killer. Una delle pallottole ha reciso l’aorta del militare. L’altro carabiniere, invece, il 27enne Pasquale Casertano, sta meglio. Ieri è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per l’estrazione di un proiettile. “Papantuono ha scaricato l’intero caricatore sui due carabinieri”, ha raccontato ieri in conferenza stampa, il procuratore capo di Foggia, Ludovico Vaccaro. Domani pomeriggio i funerali di Stato a San Severo, città d’origine del maresciallo Di Gennaro.