L’orgoglio dei Cera per il rilancio dell’UDC a Foggia e provincia. “Col centrosinistra solo a San Severo”

Duro il leader del partito nel giorno della presentazione dei nuovi referenti cittadini: “A chi straparla della mia famiglia dico che non è mai apparsa nei libri mafiosi”

L’ingegnere Alfredo Papa e l’avvocato Tiziana Granato sono i due responsabili cittadini dell’Udc, nominati dal coordinatore Angelo Cera e chiamati a comporre la lista a Foggia, che sarà alleata del centrodestra di Franco Landella.

Ieri Cera e il king maker Massimino Di Donna, presente straordinariamente al comitato di Corso Vittorio Emanuele, hanno siglato il patto, nonostante Forza Italia abbia scippato all’Udc due pezzi pesanti del suo partito, sottraendo Leo Iaccarino e Dario Iacovangelo.

Nella sede di via Gramsci, i Cera hanno spiegato il senso della collocazione dell’Udc nei vari centri. Netto Cera senior. “Siamo col centrosinistra a San Severo, dove la Lega per recuperare il voto negativo di Bari e Foggia hanno fatto saltare l’accordo già presente e hanno preso la candidatura di Bocola a tutto discapito dei patti, sentendosi i nuovi padri padroni. Riteniamo che chi partecipa a San Severo rappresenta il peggio della politica della città dei campanili e la riporta agli anni bui, noi teniamo alla città e sappiamo come ha combattuto il primo cittadino. È il sindaco attuale che si può giocare la partita. La coalizione di centrodestra a San Severo non è adeguata per l’emergenza sicurezza e per la tutela del cittadino e degli artigiani. Possiamo dire che l’Udc sarà primo partito della coalizione di Miglio”.

Diverso il collocamento a Foggia. “Il sindaco sa del danno che è stato fatto all’Udc, Landella ha fatto giustizia. Faremo la nostra lista, la stiamo lavorando. Per chi è andato via abbiamo sacrificato queste figure che oggi sono state nominate. Da oggi assumono la responsabilità di fare la lista. Un caro in bocca al lupo ad Alfredo Papa ingegnere, a  Tiziana Granato e al coordinamento di Stefania Vurchio. Ci affidiamo a loro, saranno anche candidati. Non c’è bisogno di uscire fuori per trovare il nuovo. A chi straparla della famiglia Cera dico che la famiglia Cera non appare tra i libri mafiosi. È gente che lavora a favore di tutti, per i cittadini da anni”.

Anche Napi Cera ha voluto dire la sua. “Ringrazio Alfredo e Tiziana per la responsabilità che hanno dimostrato in un momento in cui si è tentato di spogliare la segreteria. L’Udc è rimasta fedele al 4 marzo, l’Udc è al fianco dei partiti del centrodestra. A San Severo il centrodestra è in una posizione alquanto scomoda, falsata. Bocola era nell’Udc ed è grazie al nostro che è stata eletta presidente del consiglio ed è stata consigliera provinciale. Se n’è fregata degli accordi presi con l’Udc. Cosa dovremmo fare oggi nel centrodestra se da quelle stesse persone ci siamo presi delle fregature? A San Severo abbiamo ricomposto i moderati. Saremo la novità. A Foggia l’operazione svuotamento attuata e studiata prima non ha dato i suoi frutti. Noi un po’ distratti ci siamo fatti passare l’operazione sotto il naso. Ci siamo fidati talmente tanto di Dario Iacovangelo che era anche componente del gruppo Udc a Bari. L’Udc è a destra e a San Severo si colloca con Miglio, che tra i sindaci pugliesi ha lottato contro la criminalità. Si è messo in prima fila, la criminalità non si batte solo su un Comune. Le persone che sono andate via si sono comportate in maniera scorretta ed opportunistica, pensando di inserirsi in liste forti. Ora candideremo persone limpide e trasparenti”.



In questo articolo: