Gargano, retata in un noto bar di Vieste. Scoperto traffico di droga, arrestato titolare

Rinvenuti un chilo di marijuana, contenuta in due buste di plastica, e mezzo chilogrammo di hashish, suddiviso in cinque panetti da 100 grammi ciascuno, il tutto occultato all’interno dell’esercizio pubblico, oltre alla somma di 880 euro

Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Tenenza di Vieste, insieme al personale S.A.T. dell’11° Reggimento Puglia di Bari, hanno tratto in arresto Michele Daniel Troia, residente a Thiene (VI) ma di fatto domiciliato nella cittadina del litorale garganico, dove gestisce il bar Aldo Moro, dall’intitolazione della via dove si trova, per la detenzione illecita di oltre un chilo e mezzo di droga. 

I carabinieri hanno effettuato un mirato e discreto servizio di osservazione nei pressi del bar, dove da tempo era stato notato un sospetto andirivieni di soggetti conosciuti come assuntori di stupefacenti.

L’intuizione ha quindi dato i suoi frutti quando, dopo avervi visto entrare un 40enne del posto, uscito subito dopo, neanche il tempo per un caffè, i militari lo hanno controllato, trovandolo in possesso di 11 grammi circa di marijuana.

È allora scattata la perquisizione del bar, che si è conclusa con il rinvenimento di un chilo di marijuana, contenuta in due buste di plastica, e di mezzo chilogrammo di hashish, suddiviso in cinque panetti da 100 grammi ciascuno, il tutto occultato all’interno dell’esercizio pubblico, oltre alla somma di 880 euro in banconote di vario taglio, ritenuta essere il provento dell’illecita attività da lui posta in essere nel suo bar.

L’arrestato è stato quindi condotto nel carcere di Foggia, a disposizione della Procura della Repubblica, mentre l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura.



In questo articolo: