Foggia, mamme nei container: “Qui si muore”. Il sindaco Landella ospite in RAI. “Incontrerò Emiliano”

Il primo cittadino in diretta dagli studi romani del talk “Storie Italiane”. Giovedì, a Bari, parlerà con il presidente della Regione Puglia. “Da 20 anni la mia città è stata ignorata dal Governo”

“Foggia è una città in piena emergenza”: è questo il messaggio lanciato dal sindaco di Foggia Franco Landella intervenuto questa mattina in diretta dagli studi Rai di “Storie Italiane”. In collegamento le mamme residenti nei container in via San Severo, costrette a vivere in situazioni critiche tra muffa, umidità e tubi dell’acqua gelata a causa delle rigide temperature registrate negli ultimi giorni. Sei, anche otto persone, vivono in pochissimi metri quadrati. Bimbi malati, operati al cuore e costretti a dormire con la bombola d’ossigeno.

“Stiamo stanchi, non si può più vivere così. Ci ammaleremo e moriremo tra il ferro arrugginito delle lamiere”: è il grido di protesta delle mamme. “L’emergenza non è solo abitativa – precisa il primo cittadino – ma anche lavorativa con circa il 50% di disoccupazione giovanile. Da 20 anni il Governo nazionale e regionale hanno ignorato completamente la nostra città. Chiedo aiuto, attraverso la Rai, per dare risalto alla drammatica situazione in cui versa la città di Foggia. Amo la mia città, e per amore della stessa mi sono preso una poltrona scomodissima. A differenza delle precedenti amministrazioni comunali abbiamo fatto sgomberare le famiglie che avevano occupato abusivamente delle palazzine popolari”.

Giovedì prossimo Landella incontrerà il presidente della Regione, Michele Emiliano. “Ci incontreremo a Bari per discutere della situazione e tramite dei fondi cercheremo di mettere a disposizione delle aree per l’emergenza abitativa”.





Change privacy settings