OSS, un corso per disoccupati e inoccupati in provincia di Foggia. Ecco i dettagli

È rivolto a 18 destinatari, residenti in Puglia, in possesso di diploma di scuola dell’obbligo e di età non inferiore a 17 anni

In programma, il 7 gennaio alle ore 11.30 nella Sala della Ruota di Palazzo Dogana, la conferenza stampa di presentazione del Corso di Formazione per Operatore Socio Sanitario promosso da AFORIS, in collaborazione con i partner di progetto Profeta e Spegea, e selezionato fra i primi cinque progetti presentati alla Regione Puglia. 

Interverranno: il Presidente della Provincia, Nicola Gatta, l’Amministratore Unico di Aforis, Gian Maria Gasperi ed il Responsabile del settore formazione di Aforis, Riccardo Ricciardi. 

Il corso è rivolto a 18 destinatari, disoccupati o inoccupati, residenti in Puglia, in possesso di diploma di scuola dell’obbligo e di età non inferiore a 17 anni e prevede una durata di 1000 ore di cui 450 di formazione teorico-pratica in aula, 100 di esercitazioni e 450 di tirocinio presso strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali.

Quello di Operatore Socio Sanitario è un profilo professionale dove forti competenze tecniche devono essere corredate da capacità comportamentali e relazionali tali da operare in empatia con i pazienti e i loro contesti familiari. Un profilo professionale polivalente quindi, capace di operare sia nell’ambito sanitario, sotto la diretta responsabilità del personale infermieristico, sia in quello sociale, sotto la responsabilità dell’assistete sociale. E che per questi motivi trova una facile collocazione lavorativa al termine dell’attività formativa.

Gli elementi di forza dell’idea progettuale di AFORIS risiedono, oltre che nella qualità dell’offerta formativa, nel suo inserirsi in una strategia di sviluppo e contrasto a fenomeni di disagio sociale in un’area della Capitanata, i Monti Dauni, caratterizzata da condizioni di spopolamento progressivo e invecchiamento della popolazione. Il corso si svolgerà a Candela, presso gli spazi del CREDEA, gestiti da Aforis in convenzione con il GAL Meridaunia.



In questo articolo: