Balletti e tarantelle, alla fine Mangano spunta lo stesso al Villaggio di Natale. “Io infamato”

In Fiera a Foggia ecco il ballerino condannato per violenza sessuale su una minorenne. Vanificati gli annunci degli organizzatori. E ora cosa farà Save The Children?

Nonostante il dietrofront dalla direzione artistica, il ballerino Michele Mangano, condannato in primo grado per violenza sessuale su una minorenne, è apparso in serata al Villaggio di Natale. A causa dei guai giudiziari del “re della tarantella garganica”, gli organizzatori della Blu Promotion avevano annunciato il passo indietro di Mangano, così come pubblicato dalla nostra testata giorni fa. L’associazione Save The Children, che inizialmente aveva aderito all’iniziativa, si era tirata indietro dopo aver scoperto della condanna del ballerino, salvo poi riabbracciare la manifestazione in seguito al passo indietro di Mangano.

Ma come detto, stasera il re della tarantella, depennato di recente dai “Pugliesi nel Mondo”, è salito sul palco del Villaggio di Natale in Fiera a Foggia per uno spettacolo musicale. Al suo fianco il maestro indiano “Puma” e cinque ragazze che hanno ballato la tarantella. Prima dello show, il ballerino ha detto di essere stato “infamato” per poi aggiungere: “Se fai il bene ti ritorna il bene, se fai il male ti ritorna il male. Ma il male deve stare fuori da noi”.