Nasce cittadella ospedaliera a Foggia, ecco la piantina. Cessione di viale Pinto ai Riuniti

L’Azienda interverrà sul prolungamento di via Perosi non soltanto sul fronte della viabilità, ma anche della pubblica illuminazione e della fogna bianca, comprensiva del collettore di collegamento al tronco di via Martiri di via Fani

Nel Comune di Foggia, l’assemblea consiliare ha approvato, dando seguito al Protocollo d’Intesa sottoscritto dal sindaco, Franco Landella, e dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ospedali Riuniti di Foggia”, Vitangelo Dattoli, il riassetto funzionale dell’area finalizzato alla nascita della Cittadella Ospedaliera.

Nello specifico, l’accordo prevede la cessione di viale Pinto all’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ospedali Riuniti di Foggia”, che a sua volta, in contropartita, si impegnerà, con fondi propri, a realizzare il tratto di viabilità – rientrante nel Piano Regolatore Generale – che costituisce il prolungamento di via Perosi; viabilità fondamentale per assicurare la funzionalità del parcheggio al quale gli OO.RR. stanno dando vita ed il cui progetto è già stato approvato dal Consiglio comunale. In particolare, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Ospedali Riuniti di Foggia” interverrà sul prolungamento di via Perosi non soltanto sul fronte della viabilità, ma anche della pubblica illuminazione e della fogna bianca, comprensiva del collettore di collegamento al tronco di via Martiri di via Fani, con conseguente rivisitazione degli accordi pubblico-privati inerenti l’Accordo di Programma della ditta Tonti. Gli OO.RR. compenseranno poi la perdita dei parcheggi a pagamento di viale Pinto da parte di Ataf SpA con la concessione all’ex azienda speciale della gestione dei 250 parcheggi che saranno realizzati all’interno della Cittadella Ospedaliera, in numero pari a quelli ricompresi in viale Pinto. L’approvazione dell’accordo è avvenuta alla presenza del Direttore Generale degli OO.RR., Vitangelo Dattoli, e del progettista dell’opera, l’ingegnere Pippo Cavaliere. Mancava la percorrenza viaria nel PRG sempre ipotizzata e mai realizzata. Oggi l’accordo di programma Tonti ancora non vede la luce, è una area monca. Per questo l’amministrazione con la governance ospedaliera e la direzione dei lavori ha immaginato delle strade che possano collegare la cittadella allo svincolo dell’Orbitale per un arrivo veloce ai reparti.

“Si tratta di una intesa di grande importanza, attraverso la quale si provvede ad una regolamentazione, sotto il profilo urbanistico e della viabilità, dell’area che ospiterà la Cittadella Ospedaliera – spiega il sindaco di Foggia –. Un obiettivo rilevante, che testimonia la bontà della strategia di sinergia e collaborazione che abbiamo messo in campo. Una prassi virtuosa, che concorre in modo determinante al miglioramento dell’offerta sanitaria in termini infrastrutturali. Al Direttore Generale Dattoli va dunque il mio grazie per il costante confronto operativo che ha determinato il traguardo che tagliamo oggi grazie al voto del Consiglio comunale.  oggi una bella pagina del consiglio comunale che ha colto l’istanza degli OO.RR. È un atto qualificante non per l’amministrazione comunale o per il sindaco Landella ma per la città e per l’aula”.

“Gli Ospedali Riuniti sono alla vigilia della più importante svolta infrastrutturale della loro storia. E siamo orgogliosi di essere stati parte di questo percorso – aggiunge l’assessore comunale con delega all’Urbanistica, Francesco D’Emilio –. Ci siamo costantemente interfacciati con gli OO.RR. per predisporre la soluzione migliore, nell’ottica di una maggiore fruibilità della zona a servizio del nostro presidio ospedaliero. Lo abbiamo fatto avendo come unico punto di riferimento il bene comune e le esigenze della comunità foggiana. I consiglieri comunali che hanno partecipato a questa lunga fase, non solo nella seduta di oggi ma anche nella precedente fase di analisi sviluppata all’interno delle Commissioni, ai quali va il mio grazie, hanno scritto assieme a noi una pagina di bella politica e di lungimirante e strategica amministrazione per sviluppo di Foggia”.

Sulle questioni di flusso veicolare che deriverà dalla realizzazione dell’Orbitale, il capogruppo Pd Augusto Marasco ha proposto un emendamento, sottoscritto da molti suoi colleghi per realizzare entro 24 mesi una viabilità accessoria. Oltre l’accordo Tonti non ancora realizzato ci sono delle abitazioni e dei fondi privati agricoli, che oggi sono raggiunti dai proprietari attraversando un tratturello, prosecuzione di Via Pinto. Cosa accadrà con la chiusura della Cittadella? L’interrogativo è stato posto dal consigliere Pasquale Cataneo, che insieme alla sua famiglia ha casa proprio in quella zona. Ebbene, nell’emendamento si è specificato che “l’accesso di Via Pinto deve essere garantito ai residenti e ai conduttori di fondi agricoli sul prolungamento tra Via Pinto e l’orbitale”. Inoltre il Comune si impegna nel giro di un anno a realizzare una via di collegamento tra la terza rotatoria dell’Orbitale e Via Pinto e tra Via Perosi e lo sbocco dell’accordo di programma Tonti. Molti eletti sono dubbiosi sulla reale tempestività di tale interventi, dal momento che le due strade dovrebbero essere inserite nel bilancio di previsione 2019 nel piano triennale delle opere pubbliche.