In via San Severo ecco la RAI. “Confrontiamo questa bidonville foggiana con un co-housing di Forlì”

Nella periferia di Foggia giornata di riprese della trasmissione “I 10 Comandamenti” di Domenico Iannacone. “Altrove si è offerta una visione, una progettualità ecosostenibile e di comunità, qui no”

Giornata di riprese in Via San Severo a Foggia per le telecamere Rai della trasmissione “I 10 Comandamenti” di Domenico Iannacone. La puntata è dedicata al diritto dell’abitare. Alla casa. E partirà dalla ventennale situazione dei container di Via San Severo, messa a confronto con una best practies di Forlì. L’inferno e la civiltà. Degrado e condivisione degli spazi. La segnalazione delle storie foggiane di Teresa, Giulia e delle altre famiglie parcheggiate nei container dal Comune in epoca Agostinacchio era arrivata al giornalista d’inchiesta ben prima che il caso diventasse nazionale con Pomeriggio5.

Questa mattina, Iannacone durante il suo lavoro è stato anche “attratto” giornalisticamente dagli insediamenti rom nell’ex inceneritore Amica. Anche lì il conduttore ha intervistato il giovane rom, la madre e le altre persone che vivono in alcune baracche e nell’ex impianto.

“Confronteremo questa bidonville foggiana con un co-housing di Forlì. Qui a Foggia questo modo di abitare che non risolve l’emergenza abitativa, lì invece si è offerta una visione, una progettualità ecosostenibile e di comunità”, ha spiegato Iannacone. Si tratta delle case franche, l’alternativa all’affitto o all’acquisto della casa. Esperienze di vita con modalità abitative condivise, in cui le persone vivono in complessi residenziali dove sono presenti sia abitazioni private che spazi comuni, come lavanderie, sale riunioni, orto condiviso e spazio giochi, che vengono gestiti in modo collettivo per risparmiare e per mantenere uno stile di vita ecologico e sostenibile.