Ucciso per aver urinato in strada, ignoti incendiano abitazione dell’assassino a Monte Sant’Angelo

Il giovane fu accoltellato mortalmente con un pugnale di 30 centimetri. Un episodio che scioccò l’intera comunità

Incendiato l’ingresso dell’abitazione del 61enne R.L.A., l’uomo che esattamente un anno fa uccise il 23enne Felice Fischetti a Monte Sant’Angelo. Il giovane, sorpreso ad urinare nei pressi dell’abitazione dell’assassino, fu accoltellato mortalmente con un pugnale di 30 centimetri. Un episodio che scioccò l’intera comunità.

Nei mesi seguenti si susseguirono atti di violenza contro l’abitazione del 61enne, culminati nelle scorse ore nell’incendio ad opera di ignoti.