Puglia, 31 milioni di euro ai Comuni per potenziare il sistema depurativo fognario

Arriva una determina del dirigente dei Lavori Pubblici per far scorrere la graduatoria approvata per il completamento delle reti della fogna bianca e pluviale nei Comuni pugliesi che hanno già partecipato alla selezione indetta nel 2014.
I Comuni interessati sono 37, per un importo di circa 31 milioni di euro complessivi, a valere sulle risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione 2014-2020.
La definitiva individuazione degli interventi che saranno ammessi a finanziamento avverrà dopo una brevissima istruttoria finalizzata a verificare la permanenza delle problematiche a suo tempo rappresentate (es. pericolo allagamenti, ristagni, commistione fogne ecc.). A breve i Comuni interessati riceveranno un’apposita comunicazione dagli uffici regionali.
“Lo smaltimento delle acque bianche – pluviali in recettori finali senza essere prima trattate – ha commentato l’assessore ai Lavori Pubblici Anna Maria Curcuruto – rappresenta un impatto non sostenibile su diverse matrici ambientali, tra cui suolo e sottosuolo. Perciò, per garantire alle future generazioni un uso sostenibile e durevole delle risorse idriche, è necessario potenziare le reti pluviali sui territori urbani, per intervenire anche in maniera indiretta sul sistema depurativo fognario e di conseguenza limitare sensibilmente l’afflusso di portata in ingresso agli impianti di depurazione, specie nel caso di eventi meteorici intensi”.
“A breve – ha continuato l’assessore Curcuruto – verrà pubblicato un altro Avviso Pubblico per un importo di 30 milioni di euro del POR Puglia FESR FSE 2014-2020, aperto anch’esso a tutti i Comuni pugliesi, per la realizzazione e/o adeguamento dei recapiti finali, il completamento degli schemi idrici di fognatura bianca – pluviale nei centri abitati, realizzazione di infrastrutture idrauliche atte alla separazione delle acque nere dalle acque bianche, realizzazione di schemi idrici sovracomunali per favorire il recupero e riutilizzo”.
“L’impegno a mantenere e a migliorare la qualità dei corpi idrici pugliesi, anche attraverso il completamento delle reti pluviali, così da ridurre le aree a rischio allagamenti – ha concluso Curcuruto – è un obiettivo che sta a cuore alla Giunta regionale e caratterizza la nostra azione di Governo”.