Emergenza Province, Miglio: “Misure urgenti o strade e scuole rischiano chiusura”

“Con l’ultima manovra finanziaria del Governo non sono state assicurate le risorse necessarie per garantire la sicurezza dei cittadini”. Così interviene sull’argomento il presidente della Provincia di Foggia, Francesco Miglio. “Governo e Parlamento non possono far ricadere sulle Province scelte sbagliate. Se non si prendono misure urgenti, strade e scuole rischiano di restare chiuse. I servizi che dovremmo erogare non possono essere svolti senza adeguate risorse finanziarie, perché senza interventi mirati strade e scuole non sono sicure. Sono completamente in linea con le considerazioni del presidente dell’UPI, il collega Achille Variati, che ha detto che negli ultimi tre anni le entrate delle Province sono scese del – 43% e che l’82% delle entrate proprie vengono trattenute nel bilancio dello stato. Pertanto, la ripartizione dei fondi appare del tutto insufficiente. Una situazione critica che pesa sui cittadini e sugli enti locali. Senza misure adeguate per fronteggiare l’emergenza saltano tutti i propositi di rilancio. Non finanziare i servizi locali, impedisce di fare programmazione ed il patrimonio pubblico che gestiamo, di giorno in giorno, subisce ulteriori deterioramenti, sempre più pericolosi per la sicurezza dei cittadini-utenti. A questo punto, vista la scarsa attenzione che il Governo riserva alle giuste richieste delle Province, è improcrastinabile la messa in atto di forme di protesta eclatanti, ben compresa quella di dimissioni collettive di tutti i Presidenti delle Province. Auspico – conclude Miglio – che l’UPI si faccia promotore di iniziative concrete ed importanti a tutela dei territori e delle comunità provinciali”.