Dall’università di Foggia ai centri riabilitazione Padre Pio, sbocchi lavorativi per studenti

 

Università e Fondazione Centri di riabilitazione Padre Pio Onlus si impegnano, reciprocamente, a promuovere, sviluppare e consolidare opportunità e iniziative di collaborazione nella ricerca scientifica, nella didattica e nell’alta formazione.

È quanto si è discusso questa mattina a Palazzo Ateneo, dove è avvenuta la firma del protocollo d’intesa – di durata quinquennale – alla presenza del rettore dell’Università di Foggia, Maurizio Ricci e di Serena Filoni, direttore sanitario della struttura di San Giovanni Rotondo.  

Attraverso la firma, la Fondazione si impegna ad ospitare nelle proprie strutture assistenziali di riferimento (presso il presidio residenziale e ambulatoriale “Gli angeli di Padre Pio”) gli iscritti alla Scuola di specializzazione in Medicina fisica e riabilitativa e gli studenti dei corsi di laurea di Medicina, di Fisioterapia e delle Professioni sanitarie. La permanenza sarà finalizzata al completamento della formazione degli studenti e degli specializzandi e allo svolgimento di attività di formazione pratica, ai fini dell’acquisizione – da parte degli stessi – di esperienza applicativa clinica in determinati settori e per specifiche tipologie di attività per le quali la Fondazione dispone di adeguate risorse umane e strumentali.

“Prosegue, secondo la legge e le direttive ministeriali, la nostra azione di confronto e collaborazione con le realtà territoriali che possono contribuire a migliorare le professionalità che si formano nel nostro Ateneo – ha spiegato Ricci -. Siamo lieti di contribuire alla crescita di questi ragazzi, e la Fondazione Padre Pio Onlus è una delle strutture che può mettere loro a disposizione tutta una serie di infrastrutture per fargli proseguire il loro percorso formativo nel migliore dei modi. Riusciremo così a fondere un mix tra attività di formazione e ricerca, il tutto finalizzato ad offrire un’assistenza a favore della collettività e di chi ne ha bisogno – ha aggiunto il rettore -. L’accordo consentirà a questi ragazzi di avere maggior facilità negli sblocchi professionali, con una formazione degna di poter competere anche con i mercati internazionali”.

L’accordo prevede anche l’organizzazione di Master di I e II livello, corsi di aggiornamento professionale, seminari e conferenze per il personale afferente alla Fondazione. “Siamo orgogliosi di poter contribuire alla formazione degli studenti dell’Università di Foggia – ha dichiarato la Filoni –. Metteremo a disposizione tutte le nostre strutture e le nostre potenzialità. Apriremo le porte per poter accogliere gli studenti e specializzandi nel fiore all’occhiello della nostra Fondazione, che è questo presidio con una dotazione tecnologia davvero imponente , e che finalmente gli studenti potranno toccare con mano. Sul nostro territorio sono presenti 12 presidi ambulatoriali. Circa 150mila sono le prestazioni ambulatoriali annuali e 160mila quelle domiciliari. Questi numeri sono quindi una banca dati importanti che ci sentiamo di condividere”. 

L’accordo quadro sottoscritto quest’oggi con l’Università di Foggia inorgoglisce la Fondazione e tutti i professionisti che operano nell’Ente e contiene tutto ciò che risiede un rapporto di notevole levatura scientifica, tra una Università tra le prime in classifica nazionale e una struttura d’eccellenza come la Fondazione Centri di Riabilitazione Padre Pio Onlus. Le convenzioni specifiche che stanno derivando e che deriveranno completeranno un’alleanza di notevole importanza per tutti, in particolar modo per gli studenti, veri fruitori di questo accordo quadro. Presente questa mattina anche fra Mariano Di Vito, in rappresentanza dei frati minori Cappuccini.