Neve e gelo, ortaggi a prezzo record (+200%). Si temono speculazioni

cime di rape ortaggi neve

Stanno morendo gli animali e la conta dei danni si fa sempre più preoccupante e complicata in Puglia dove continua a nevicare: lo denuncia in una nota la Coldiretti Puglia. “Stanno morendo gli animali perché bevono acqua ghiacciata – denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele -. Spesso non riescono neppure ad essere abbeverati a causa del congelamento delle condotte idriche e stiamo registrando casi di congelamento degli impianti di mungitura, tutte concause che hanno portato in pochi giorni alla perdita del 35% di latte. Quello che gli allevatori riescono a mungere in molti casi non possono consegnarlo a causa delle strade tuttora impraticabili e dell’isolamento da cui aziende agricole e zootecniche non riescono ad uscire”. Per questo Coldiretti Puglia sollecita la Regione affinché venga formalizzata la richiesta di declaratoria di stato di calamità naturale.

Intanto vola a +200% il prezzo degli ortaggi. E si temono speculazioni per gli eccessivi rincari dei prodotti. Le cime di rape, ad esempio, sono schizzate a 2 euro invece dei soliti 0,80 centesimi. Stesso discorso per zucchine, 3,20 euro, melanzane a 3,50, ciliegino a 3,20.



In questo articolo: