Bene sociale e cultura, male l’occupazione. Il dossier sulla qualità della vita a Foggia

meglio foggia 3

Si è tenuta stamattina, presso la Sala Fedora del Teatro Umberto Giordano di Foggia, la presentazione ufficiale del dossier MeglioFoggia 2006-2015, il rapporto sulla qualità della vita realizzato dall’associazione senza scopo di lucro MeglioFoggia.
L’organismo tecnico-scientifico che ha istituito l’Osservatorio sulla Qualità della Vita – anche quest’anno, ha rinnovato l’impegno nel raccogliere, monitorare e analizzare i dati relativi all’evoluzione e le sue variabili nel tempo della città di Foggia, per accrescere la conoscenza sui fenomeni sociali che caratterizzano il vissuto del capoluogo della Capitanata.
Molti i dati positivi emersi dalla nuova edizione della pubblicazione scientifica – curata da un gruppo di ricercatori coordinati dall’esperto di statistica, Michele Mazzone, che ha illustrato il progetto durante l’incontro aperto alla cittadinanza – realizzata con l’obiettivo di offrire un prezioso strumento per orientare gli interventi a favore del miglioramento del livello della qualità della vita della comunità foggiana.
meglio foggia 2Organizzata in macroaree tematiche, infatti, la ricerca ha indicato un miglioramento sensibile dell’area “sociale”, dove si osservano i dati migliori della serie storica: incisivo il miglioramento dei servizi sociali e la diminuzione del disagio legato a fattori economici e lavorativi, nonostante il dato negativo legato alla sicurezza.
Un quadro che riflette la tendenza del settore “economia”, dove, rispetto al 2014, emerge dall’analisi una complessiva ripresa del settore “lavoro”, nonostante la criticità del contesto occupazionale.
Nell’area “benessere”, nonostante la conferma della flessione della natalità, gli indicatori relativi all’ambiente, mobilità e salute, invece, registrano un positivo incremento qualitativo in riferimento particolare alla qualità dell’acqua, la maggiore sensibilità dei cittadini per la raccolta differenziata dei rifiuti e il miglioramento della sicurezza stradale. Incoraggianti anche i dati riferiti agli indicatori del settore “cultura”: nonostante una generale flessione del settore rispetto all’anno precedente, il 2015 ha fatto registrare una rilevante crescita “quantitativa” degli indicatori relativi alla fruizione di spettacoli ed eventi, del settore Tempo Libero.meglio foggia 1Moderato dal giornalista Micky De Finis, l’incontro ha visto la numerosa partecipazione di referenti del tessuto istituzionale, scientifico imprenditoriale e sociale cittadino, tra cui il vice presidente del Consiglio della Regione Puglia, Giandiego Gatta, l’assessore regionale al Bilancio Raffaele Piemontese, l’assessore comunale ai servizi legali Sergio Cangelli e numerosi consiglieri comunali.
Inoltre, a commentare i risultati del progetto sono intervenuti, insieme alla presidentessa dell’associazione Meglio Foggia, l’imprenditrice Licia Centola, il professor Agostino Sevi, della Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Foggia, Filippo Santigliano, capo redattore del quotidiano La Gazzetta Del Mezzogiorno nonché vicepresidente della Fondazione Banca del Monte, Gianni Rotice presidente di Confindustria Foggia e l’assessora ai servizi sociali Erminia Roberto.

Un confronto interessante per la concertazione strategica delle attività da programmare per la città di Foggia, che anche quest’anno, è stata realizzata grazie al contributo di una rosa di partner che supportano la mission dell’associazione: Mediafarm srl, la Banca di Credito Cooperativo di San Giovanni Rotondo, Amgas Blu spa e Capobianco&Figli s.r.l..