Fiamme al Ghetto, disposti servizi mirati di vigilanza. Comune dovrà bonificare sito

ghetto bulgari ok

Brucia l’ennesima baraccopoli in provincia di Foggia, stavolta le fiamme hanno distrutto gran parte del “Ghetto dei Bulgari”, tra Borgo Mezzanone e Tressanti provocando la morte di un 20enne. Una tragedia che ha convinto il prefetto, Maria Tirone, a convocare subito una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per una valutazione congiunta delle iniziative e delle misure da porre in essere, nell’immediato, a seguito dell’incendio divampato presso l’insediamento abusivo. Nel corso dell’incontro al quale hanno partecipato questore vicario, comandante provinciale dei carabinieri, vice comandante provinciale della Guardia di Finanza, comandante provinciale del Corpo Forestale dello Stato, sindaco di Foggia, assessore alle Politiche Sociali e dirigenti dei settori d’interesse, sono stati pianificati mirati servizi di vigilanza e controllo dell’area da parte delle Forze di Polizia e tracciati percorsi da attuarsi a cura dell’amministrazione comunale per la bonifica del sito.

Nell’occasione il prefetto ha espresso apprezzamento per l’attività svolta dal personale delle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco che con professionalità sono intervenuti a salvaguardia della pubblica incolumità. Analoghe espressioni di compiacimento il prefetto ha rivolto alle associazioni di volontariato, tempestivamente intervenute su impulso e in raccordo con la Prefettura, per prestare assistenza a coloro che si trovano in condizioni di necessità. Nei prossimi giorni seguirà un’ulteriore riunione allargata per definire iniziative e interventi tesi al superamento delle situazioni di criticità connesse all’insediamento abusivo.



In questo articolo: