Un intero paese senza medico di base: “Pronti a rivolgerci all’autorità giudiziaria”

roseto valfortore

La comunità di Roseto Valfortore è alle prese con un’emergenza di non poco conto: quella di non avere un medico di base. Infatti, è dal 15 ottobre scorso, quando prematuramente è venuto a mancare il medico di medicina generale, Filomeno Fernando Soragnese, che la popolazione di Roseto, (in maggioranza composta da anziani) è alle prese con questo disservizio che sta provocando forti disagi.
Per questo, il movimento “FutuRoseto” sta cercando in ogni modo di sensibilizzare le istituzioni preposte al fine di rimuovere tutti gli ostacoli per l’individuazione e la nomina di un nuovo medico.
“A tal fine – scrivono – è stato indirizzato un appello al direttore generale dell’Asl di Foggia affinché si adoperi, in tempi stretti, alla soluzione di questa vistosa problematica che diventa giorno dopo giorno sempre più insostenibile, soprattutto per le persone più anziane e bisognose di cure e attenzioni da parte del medico. Noi di ‘FutuRoseto’ troviamo paradossale il perdurare di questa situazione di negazione dei più elementari diritti dei cittadini e della attuale situazione di crescente disorientamento della popolazione. Considerando anche le peculiarità sociali e geografiche di Roseto Valfortore, si chiede con forza, che le istituzioni si attivino immediatamente, in primis la Regione Puglia quale ente responsabile a garantire il diritto alla tutela della salute, per la nomina del nuovo medico in linea con il rispetto degli obblighi di legge. Se invece, malauguratamente – concludono -, perdurerà da parte delle istituzioni la mancanza di volontà nel dare risposta al diritto alla salute dei cittadini di Roseto Valfortore, ci vedremo costretti a denunciare all’autorità giudiziaria quanto sta accadendo, visto che, per l’attuale situazione, si configurerebbe l’interruzione di un pubblico servizio essenziale alla cittadinanza”.