Terremoti, mappa del rischio in provincia di Foggia. Ecco i comuni più esposti

La mappa mostra come è stato classificato dalla Protezione Civile il territorio del nostro Paese in base alla probabilità che in quell’area possa verificarsi un sisma di forte intensità (dati 2015. La scala nazionale, su cui si basa la colorazione della mappa, va da 1 (maggiore pericolo) a 4 (minore pericolo). L’obiettivo è ridurre gli effetti dei terremoti attraverso la prevenzione. Alcune regioni hanno aggiunto ulteriori sotto-classificazioni di cui si dà conto nelle finestre di pop-up che si aprono cliccando sul singolo comune.

La provincia di Foggia si divide in due aree di pericolosità, rispettivamente di scala 1 e 2. La prima (“possibilità di fortissimi terremoti”) tiene dentro i comuni di Bovino, Candela, Ascoli Satriano, Deliceto, Panni, Accadia, Sant’Agata, Monteleone di Puglia, Anzano di Puglia e Rocchetta Sant’Antonio. La macroarea che tiene dentro tutto il resto della Capitanata è contrassegnato dal rosso più chiaro dell’indice di pericolosità numero 2: “possono verificarsi forti terremoti”.