Macchine rubate e fatte a pezzi in un’autodemolizione, beccate 5 persone a Cerignola

IMG-20160916-WA0009

Un vero e proprio deposito di macchine rubate è stato scoperto dai carabinieri in un’autodemolizione alla periferia di Cerignola. Manette per Pasquale Cotugno, classe ’59 e per suo figlio Fabio, classe ’86, entrambi proprietari dell’attività. Arrestati per riciclaggio in concorso anche Giacomo Gallo, classe ’93, Fabio Curci, classe ’93 e Francesco Sforza, classe ’98. Tutti cerignolani.

Il capitano dei carabinieri di Cerignola, Ristallo
Il capitano dei carabinieri di Cerignola, Ristallo

Questi soggetti sono stati arrestati mentre erano intenti a mascherare la provenienza delittuosa di numerosi pezzi appartenenti alla medesima vettura, una Ford Fiesta risultata rubata poche ore prima nel parcheggio dell’ospedale Tatarella. Mentre alcuni si occupavano della completa distruzione tramite pressatura della carcassa del veicolo, altri si stavano occupando dei pezzi ricavati e già commerciabili come il motore e gli sportelli.

Visti i carabinieri, i cinque hanno tentato la fuga ma sono stati tutti bloccati ad eccezione di Pasquale Cotugno, rintracciato successivamente e condotto in carcere. Dopo la convalida, Sforza è stato scarcerato e sottoposto a obbligo di dimora. Domiciliari per gli altri.

IMG-20160916-WA0012