L’ospedale di San Marco in Lamis diventa “cittadella sanitaria di servizi integrati”

ospedale-san-amrco_original-2

Prosegue il lavoro di riconversione dell’ospedale “Umberto I” di San Marco in Lamis per potenziare l’assistenza primaria. 
In questo modo la struttura sammarchese diventerà una sorta di cuscinetto tra l’ospedale e i servizi territoriali, in favore di tutte le persone che non hanno necessità di essere ricoverate in reparti specialistici, ma che hanno comunque bisogno, per un tempo prolungato, di un’assistenza sanitaria che non potrebbero ricevere a domicilio.
“L’ospedale sammarinese – dichiara il consigliere ragionale Napoleone Cera – sarà una cittadella sanitaria di servizi integrati sanitari e sociali, residenziali e domiciliari, erogati nel contesto dell’assistenza primaria. Non è quindi un impoverimento dell’offerta sanitaria, ma una diversa organizzazione di servizi, per dare al cittadino una struttura adeguata alle necessità di assistenza, con stretti legami con gli ospedali territoriali. Il nuovo volto del nosocomio sammarchese s’inserisce nel più complesso lavoro di riordino ospedaliero che potrà dare i suoi frutti solo se si proseguirà nella riconversione di alcune strutture in ospedali di comunità. Diverso il discorso relativo alla rete di emergenza-urgenza – conclude – che, sicuramente, ha bisogno di essere potenziata, ma che necessità di un maggiore approfondimento e migliore organizzazione, in modo da garantire migliore assistenza sanitaria, evitando lo sperpero di risorse pubbliche”.