Fannulloni, il sindacato scrive al sindaco Landella: “No a decisioni drastiche e brutali”

fannulloni

Dalla scarcerazione alla sospensione dal servizio. La posizione dei fannulloni del Comune di Foggia resta al vaglio degli organi competenti. Qualcuno ha già visto ridotta la pena, altri sono in attesa delle decisioni della magistratura ma anche della commissione disciplinare che dovrà esprimersi dal lato amministrativo. Intanto, ecco la lettera del sindacato Confail – Setttore Enti Locali. Nella missiva, inviata al sindaco, Franco Landella e al dirigente del servizio Risorse Umane, Claudio Taggio, si legge: “Con riferimento alle recenti indagini per assenteismo dal luogo di lavoro che hanno coinvolto alcuni dipendenti del servizio integrato Attività Economiche – scrive il segretario dell’Unione provinciale, Antonio Forcella -, è noto a questa sigla sindacale che è stata istituita una commissione disciplinare al fine di comminare sanzioni o provvedimenti disciplinari. Chiediamo alla commissione di procedere a valutazioni e decisioni che non siano drastiche e brutali, anche per attendere le conclusioni a cui arriverà la magistratura. Pur nella gravità dell’accaduto, che non si intende sminuire, si mette in guardia dal rischio di attuare determinazioni intransigenti, inesorabili o peggio esemplari per persone che comunque per molti anni hanno lavorato per la città e che senz’altro hanno contribuito al suo sviluppo”.