Riverola fa venir giù lo Zaccheria, battuto l’Akragas 2 a 1. Rossoneri secondi dietro il Benevento

IMG_2726

Tanta fatica per il Foggia nonostante il dominio assoluto. È “soltanto” 2 a 1 contro l’Akragas ma mai come oggi contava la vittoria. Rossoneri secondi in classifica a meno 4 dal Benevento capolista. Bel Foggia nei primi 25 minuti. Akragas subito schiacciata nella propria metà campo grazie alle folate dei terzini e alle giocate degli attaccanti rossoneri, Sarno, Chiricò e Sainz Maza. L’Akragas tiene botta a stento rischiando di capitolare già al 11′ quando Coletti spara un missile che si stampa sulla traversa. È il preludio al gol che arriva due minuti dopo. Punizione di Sainz Maza da sinistra, la sfera coglie la parte bassa della traversa e rimbalza oltre la linea. L’arbitro assegna il gol.
Al 20′ ancora Foggia con Chiricò che ci prova da fuori area ma Vono devia in angolo. Rossoneri a tamburo battente fino al 28′ quando l’arbitro Valiante di Nocera Inferiore concede un rigore agli ospiti. Di Piazza si lascia andare traendo in inganno l’arbitro. Dagli undici metri Madonia fa 1 a 1 tra le proteste di tutto lo Zaccheria.
I ragazzi di De Zerbi tornano all’arrembaggio, Sainz-Maza su punizione impegna Vono. Al 41′ sono i rossoneri a rischiare persino di andare sotto nel punteggio, bravo Micale a salvare su Di Piazza lanciato a rete.

Stesso copione nella ripresa. Il Foggia fa la partita, l’Akragas si chiude sperando in qualche ripartenza. Ci provano nell’ordine Sarno, Di Chiara e Riverola ma i tentativi sono sempre annullati dalla difesa avversaria. Al 67′ grande parata di Micale che salva su Salandria. I rossoneri rischiano tanto pur di portare a casa i tre punti. E al 79′ Riverola, uno dei migliori, inventa un gol “alla Del Piero”. Destro a giro sotto l’incrocio calciando dal vertice sinistro dell’area di rigore avversaria. Solo una grande giocata poteva sbloccare il risultato. Al 84′ assolo di Floriano che se ne va sulla sinistra poi si accentra saltando il portiere e calcia cogliendo il palo, Foggia vicino a chiudere la partita. Al 86′ Arcidiacono lanciato in contropiede prova lo scavetto ma scheggia il palo. È di fatto l’ultima emozione del match. Inutili i tentativi finali degli ospiti, finisce 2 a 1 per De Zerbi e soci.