Angelo superstar, il Foggia torna alla vittoria. Ora è piena bagarre al vertice della classifica

Rossoneri terzi in classifica a pari merito col Cosenza. Lecce a un punto, Benevento a due. È davvero una Lega Pro avvincente quella di quest’anno nel girone C. Il Foggia di De Zerbi, dopo alcune scoppole come quelle a Lecce e Siena, torna al successo contro il fanalino di coda Luca Castelli. 4 a 1 il risultato finale e grande prova di Angelo. Il terzino brasiliano firma una doppietta e si guadagna anche un rigore. Due perle assolute quelle dell’esterno ex Parma. Prodezza al quinto minuto quando dai venticinque metri la spara sotto l’incrocio. Ma i rossoneri si complicano la vita a pochi minuti dalla fine del primo tempo. Gurma si invola verso la porta ma si scontra con Loiacono, il difensore del Foggia cade mentre il giocatore della Lupa regge l’urto e si ritrova davanti a Narciso tutto solo, lo dribbla e viene messo giù. Rigore e cartellino rosso per il portiere. Dal dischetto Morbidelli batte Micale. 1 a 1.

Nel secondo tempo rossoneri tutti all’attacco nonostante l’inferiorità numerica. Percussione di Iemmello, poi palla a Chiricò (entrato al posto di Vacca) che segna facendo esplodere lo Zaccheria. 2 a 1 al 61esimo. Cinque minuti dopo chiude i conti ancora Angelo con l’ennesimo missile sotto l’incrocio. Nel recupero il terzino brasiliano si incunea in area e viene atterrato da Caio Secco. Rigore e rosso per il portiere della Lupa. Cambi finiti per gli ospiti che in porta mandano il difensore Di Bella. Sarno va dal dischetto e fa 4 a 1. I tifosi volevano Angelo dagli undici metri per una storica tripletta ma i rossoneri hanno preferito non intaccare le gerarchie. Finisce 4 a 1 nonostante l’inferiorità numerica. Il Foggia riprende la marcia.