Strutture socio sanitarie in Puglia, c’è la proroga fino a dicembre. Più tempo per mettersi in regola

Approvato all’unanimità dal Consiglio regionale della Puglia l’emendamento a firma dei consiglieri Pdl/FI Maurizio Friolo e Nino Marmo che proroga ulteriormente al 31 dicembre 2015 il periodo di autorizzazione provvisoria per le strutture e i servizi socio-assistenziali che abbiano già avviato i lavori di adeguamento agli standard funzionali, strutturali e organizzativi previsti per legge. La disposizione riguarda in particolare le strutture e i servizi che abbiano già ottenuto, con provvedimento del Comune competente, la proroga dell’autorizzazione provvisoria nell’anno precedente; che dimostrino di aver avviato il cantiere di esecuzione dei lavori di adeguamento entro il 6 febbraio 2015. Le strutture, fino al conseguimento dell’autorizzazione definitiva, assicurano continuità assistenziale agli utenti già presi in carico, ma non possono effettuare nuovi inserimenti. Se dopo il 31 dicembre 2015, la Asl di riferimento verifica il mancato conseguimento dell’autorizzazione definitiva, può revocare l’accordo contrattuale e riassegnare i posti letto e la spesa corrispondente. Spetta alla Giunta poi diffidare i Comuni inadempienti nel monitoraggio delle strutture e dei servizi privi di autorizzazione definitiva e nella revoca delle autorizzazioni provvisorie che non rientrino nei casi previsti per la proroga.