De Pellegrino si autosospende dal gruppo consiliare. “Ma continuerò la mia attività con lo stesso impegno”

Alfonso De Pellegrino

È bagarre nel Pd foggiano. Alfonso De Pellegrino ha deciso di autosospendermi dal gruppo consiliare in Comune. “L’ho fatto – spiega – per tutelare la mia dignità e quella degli elettori e del Partito Democratico, offese dall’atteggiamento di chi tiene in ostaggio un organismo istituzionale per semplice ripicca. Con senso di responsabilità ho risposto a tutte le convocazioni del capogruppo Sergio Clemente, dimessosi a parole, per contribuire al confronto sulla linea politica del PD nel Consiglio comunale di Foggia, sulle azioni da svolgere e sulla definizione della sua rappresentanza. Per 6 volte – aggiunge – ho atteso invano l’arrivo dei miei ex colleghi di Gruppo, e quando ci siamo finalmente ritrovati la riunione non si è svolta per i loro improrogabili impegni sopravvenuti. E’ inaccettabile! Di qui la sofferta decisione di autosospendermi dal Gruppo consiliare che rappresenta il partito che ho contribuito a fondare. Non è per fare questi giochetti che abbiamo chiesto il voto e siamo stati eletti in Consiglio comunale. Continuerò a svolgere con il medesimo impegno la mia attività istituzionale e politica, incalzando l’amministrazione comunale sui temi del governo cittadino e rispettando la collocazione nel centrosinistra. E continuerò – conclude De Pellegrino – a rispettare il simbolo e la storia del Partito Democratico, confidando che altrettanto facciano, rapidamente, i miei colleghi o, nel caso di loro inerzia, la Segreteria cittadina e la Segreteria provinciale”.