Scalfarotto pressa Nencini per il “Gino Lisa”. “Possibile evitare il declassamento”

“Sono molto lieto dell’esito dell’incontro sul ‘Gino Lisa’ con il viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, a cui ho partecipato con il sindaco e il presidente della Camera di Commerciodi Foggia”. Lo dichiara il sottosegretario alle Riforme del Governo Renzi e parlamentare pugliese del Partito Democratico Ivan Scalfarotto.

“Sono molto lieto dell’esito dell’incontro sul ‘Gino Lisa’ con il viceministro ai Trasporti Riccardo Nencini, a cui ho partecipato con il sindaco e il presidente della Camera di Commercio di Foggia”. Lo dichiara il sottosegretario alle Riforme del Governo Renzi e parlamentare pugliese del Partito Democratico Ivan Scalfarotto, che aggiunge “C’è la concreta possibilità che venga evitato il declassamento dello scalo foggiano, e che esso torni ad essere considerato aeroporto di interesse nazionale; la premessa per cogliere questa opportunità è che un’istanza ufficiale in tal senso venga presentata dalla Regione Puglia e dalla società Aeroporti di Puglia”.

“Non dubito che questa istanza verrà presentata tempestivamente – sottolinea Scalfarotto – in quanto il ‘Lisa’ è considerato uno scalo strategico nel piano regionale degli aeroporti”. “L’apertura al dialogo con le comunità territoriali e le loro rappresentanze è d’altronde una caratteristica costante dell’azione del Governo” dice ancora il sottosegretario “e questo dialogo deve essere tanto più attento su questioni di assoluta priorità, come è per la Capitanata il sistema dei trasporti (sia dal punto di vista aeroportuale che da quello viario, ferroviario e marittimo)”.

“Trovo importante – conclude Scalfarotto – che si prosegua sulla via della sinergia istituzionale, come hanno fatto in questa occasione Franco Landella e Fabio Porreca; con queste logiche e queste premesse saremo tutti – governi locali, categorie produttive, Regione, Parlamento e Governo- in grado di fare qualcosa di utile per Foggia e per i suoi cittadini, obiettivo che deve essere al centro di ogni attività politica degna di questo nome”.