Fratelli d’Italia: “Completa anarchia nel ghetto di Rignano, va smantellato”

“Occorre agire anche su un piano produttivo creando le condizioni affinché la malavita organizzata non possa trovare spazio all’interno del sistema agricolo”

“Il caso del Gran Ghetto di Rignano, in provincia di Foggia, dove Mohammed Elmajdi, presidente di Anolf Puglia e segretario territoriale della Cisl di Foggia, è stato sequestrato e aggredito per quasi un’ora da un gruppo di migranti stranieri, non può essere archiviato o sottaciuto come un caso di semplice aggressione. Denota come all’interno del ghetto vige la più completa anarchia e dove la criminalità la fa da padrone, ma soprattutto evidenzia l’inefficacia delle politiche nazionali e regionali”.

A dirlo è il senatore di Fratelli d’Italia, Patrizio La Pietra, capogruppo nella Commissione Agricoltura.

“Certamente – continua il senatore di FdI – la questione caporalato non si può risolvere con le lacrime dell’ex ministro Bellanova e con provvedimenti spot, ma inefficaci, come la sanatoria voluta da lei stessa, che di fatti si è dimostrato un vero e proprio flop. Occorre agire su più piani. Sicuramente su quello della legalità. La stessa presenza del ghetto, ad esempio, è uno schiaffo allo Stato per colpa delle politiche lassiste della sinistra, che si riempie la bocca di slogan e poi si volta dall’altra parte senza fare niente di fronte a questa situazione. Il ghetto va smantellato e le persone che ci vivono devono essere liberate dal giogo della criminalità, restituendogli la loro dignità nel rispetto delle regole. Chi ha l’autorizzazione a stare in Italia va aiutato e tutelato, chi è veramente un profugo va accolto, mentre chi è un clandestino deve essere rimpatriato”.

“Ma occorre agire anche su un piano produttivo creando le condizioni affinché la malavita organizzata non possa trovare spazio all’interno del sistema agricolo. Bisogna incentivare la creazione di distretti produttivi specifici delle eccellenze del territorio, così come incrementare i contratti di filiera per dare certezza agli agricoltori e ai trasformatori per le loro produzioni. E’ necessario, inoltre, dare risorse per la meccanizzazione e lo sviluppo tecnologico del settore, ma soprattutto mettere in campo tutte quelle azioni necessarie per tutelare il reddito degli agricoltori e dare dignità a tutti i lavoratori coinvolti. Infine, occorre sostenere la promozione dei prodotti del territorio con azioni di informazione mirate ai consumatori.

Insomma, quello che serve sono politiche attive, concrete e non demagogiche, quello su cui Fratelli d’Italia si è sempre impegnata” conclude il senatore La Pietra.



In questo articolo: