A casa con 660mila euro in contanti, 32 chili di droga e armi. Sorprendente scoperta nel Foggiano, 3 arresti

Il rinvenimento è avvenuto nel corso di un’attività di controllo del territorio, quando i finanzieri del Gruppo Foggia, hanno intercettato due persone sospette nella zona di Ascoli Satriano

I finanzieri del Comando Provinciale Foggia hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, 3 soggetti che in alcuni locali nella loro diretta disponibilità nascondevano un ingente quantitativo di sostanza stupefacente, circa 4 chili di cocaina e 28 di hashish, nonché armi e munizioni.

Ma quello che ha più sorpreso i finanzieri è stato il rinvenimento di ben 657.000 euro in contanti abilmente occultati all’interno del ripostiglio di casa di uno degli arrestati, originario di Foggia ma con dimora ad Ascoli Satriano.

Il rinvenimento è avvenuto nel corso di un’attività di controllo del territorio, quando i finanzieri del Gruppo Foggia, in collaborazione con gli “specialisti” del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata, hanno intercettato nella zona residenziale di Ascoli Satriano due persone intente a scaricare dal cofano di una macchina un vistoso bustone.

Insospettiti per il movimento, i finanzieri hanno deciso di intervenire per identificare i due e verificare il contenuto del sacco. Uno è apparso subito nervoso alla vista degli operatori di Polizia in pattuglia. La risposta a tanto nervosismo non è tardata ad arrivare perché all’interno del bustone è stato trovato un ingente quantitativo di hashish (circa 21 chili). Il rinvenimento dello stupefacente ha fornito lo spunto agli Ufficiali di p.g. operanti per proseguire la perquisizione presso altri locali nella disponibilità dei fermati, tra cui un secondo box. All’interno di questo, usato in comunione da una terza persona, i militari hanno trovato due auto, in una di queste, nel cofano e sotto il sedile del passeggero, 2 pistole con matricola abrasa e circa 500 munizioni di diverso calibro, oltre a 4 chili di cocaina e circa 7 di hashish.

È stato invece nell’abitazione di uno dei tre arrestati che è stato rinvenuto, ingegnosamente nascosto, un ingente quantitativo di denaro di vario taglio (20, 50 e 100 euro), ben impilati per valore e impacchettati anche sottovuoto.

Informato il pm di turno della Procura della Repubblica di Foggia, ravvisando gli estremi della flagranza del reato in materia di stupefacenti, si è proceduto a trarre in arresto i tre uomini e a sequestrare gli stupefacenti, l’ingente quantitativo di denaro, di possibile provenienza illecita, le armi e le munizioni. Il denaro contante sequestrato è stato depositato sul Fondo Unico Giustizia, a disposizione dello Stato fino ad eventuale confisca definitiva delle somme.

Va precisato che la posizione delle persone arrestate è al vaglio dell’Autorità Giudiziaria e che le stesse non possono essere considerate colpevoli sino alla eventuale pronunzia di una sentenza di condanna definitiva.

L’attività del Corpo riportata si inserisce in un contesto operativo più ampio di permanente risposta – in termini di legalità e controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine – alla recrudescenza degli atti intimidatori attuati nella provincia di Foggia.



In questo articolo: