“Manzette” per gli appalti, a processo l’ex capo della Protezione civile pugliese e due imprenditori

Nello stesso filone sono coinvolti Mario Lerario, il foggiano Luca Leccese e Donato Mottola di Noci

L’inchiesta sul presunto sistema di tangenti nella Protezione civile pugliese prosegue, ma si è chiuso in questi giorni il primo filone che ha coinvolto l’ex vertice, Mario Lerario, e due imprenditori (il foggiano Luca Leccese e Donato Mottola, di Noci). Sono stati rinviati a giudizio e dunque inizierà a breve il processo.

La Procura di Bari ha chiesto e ottenuto il giudizio, e si andrà in aula già il 16 giugno prossimo. Ad essere sottoposti a giudizio saranno gli episodi venuti a galla a Natale dello scorso anno, quando Lerario fu scoperto a ritirare tangenti in flagranza. In particolare, viene contestata la “manzetta” da 20 mila euro consegnatagli dall’imprenditore Mottola, e quella da 10mila euro di Luca Leccese. Anche i due imprenditori faranno parte dello stesso processo. (In foto, Lerario e Leccese)

Seguici anche su Instagram – Clicca qui