Violenti scontri tra tifosi di Manfredonia e Barletta, feriti anche tra le forze dell’ordine. Rotice: “Incivili e stupidi”

Il sindaco adirato: “Quello che è accaduto fuori dal ‘Miramare’ prima dell’ultimo match della stagione con il Barletta, non ammette giustificazioni. Lo sport è FairPlay”

“Molto arrabbiato e deluso. Una giornata di festa e sport di tutti macchiata dall’inciviltà e dalla stupidità di pochi facinorosi. La squadra di calcio ha vinto sul campo per 2-1, ma ha perso la città”. Lo dichiara il sindaco di Manfredonia, Gianni Rotice dopo gli scontri sul lungomare tra tifosi sipontini e del Barletta.
“Quello che è accaduto fuori dal ‘Miramare’ prima dell’ultimo match della stagione con il Barletta, non ammette giustificazioni. Lo sport è fairplay, Manfredonia è una città accogliente. Da primo cittadino condanno fermamente il vile gesto, sicuro che le Forze dell’Ordine al più presto sapranno individuare gli autori. A fine partita, assieme al Presidente Michele D’Alba ed al mister Franco Cinque, ho voluto incontrare personalmente il Presidente Mario Dimiccoli ed il mister Francesco Farina per porgere loro solidarietà dei cittadini di Manfredonia, che estendo ai feriti, tra i quali anche alcuni componenti delle Forze dell’Ordine che ringrazio per aver evitato esiti peggiori”, conclude Rotice.



In questo articolo: