Giustizia, il Gargano isolato dal mondo. Maggiano: “Governo apra subito qualche tribunale periferico”

“Dispiace che il sottosegretario Sisto ritenga che la nostra condizione non rivesta per il momento il carattere della priorità”

“La condizione dell’amministrazione della giustizia sul Gargano, al momento, non riveste per il sottosegretario Sisto il carattere della priorità”. Lo scrive in una nota, l’avvocato Gianni Maggiano a capo di un comitato locale. “Dispiace che un nostro corregionale (il sottosegretario Sisto, ndr), che peraltro ha operato come avvocato anche a Rodi Garganico, ritenga che la nostra condizione non rivesta per il momento il carattere della priorità”. Maggiano fa riferimento alle parole pronunciate dal sottosegretario alla Giustizia, Francesco Paolo Sisto durante il vertice sicurezza in Prefettura.

“Il governo, ha dichiarato, in questo momento è impegnato ad amministrare le risorse del Pnrr. Sta di fatto che proprio la evidente violazione dei principi costituzionali ed europei operata dalla riforma della geografia giudiziaria (quello di prossimità della giustizia e di pari accesso al servizio per tutti i cittadini), dovrebbero indurre il governo ad utilizzare una minima parte di quei fondi per riaprire da subito almeno qualche tribunale più periferico. Non bisogna intervenire a livello generale, ma solamente in relazione ai casi più estremi, tra i quali c’è sicuramente il Gargano”.



In questo articolo: