Tangenti per appalti, indagato addetto stampa della Regione Puglia. Avrebbe informato Lerario su microspie in ufficio

Un pubblico ufficiale avrebbe rivelato al redattore l’esistenza di dispositivi di captazione ambientale, poi rimossi dall’ex dirigente

La Guardia di Finanza di Bari ha eseguito una perquisizione disposta dalla Procura nei confronti di un giornalista redattore del servizio stampa della Giunta regionale della Puglia, indagato per concorso in rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento personale.

“Il provvedimento – spiega la Procura – è finalizzato all’acquisizione di elementi probatori utili alla compiuta identificazione di un pubblico ufficiale che avrebbe rivelato al redattore l’esistenza di dispositivi di captazione ambientale in uffici della Regione Puglia in uso a Mario Antonio Lerario“.

Il giornalista avrebbe poi informato Lerario “della presenza delle cimici, aiutandolo così a eludere le investigazioni della polizia giudiziaria”. Secondo l’accusa, infatti, l’ex dirigente della Protezione civile regionale, in carcere dal 23 dicembre per corruzione, avrebbe fatto rimuovere le microspie dagli uffici.

Seguici anche su Instagram – Clicca qui