“Assurdi i tamponi a persone vaccinate”, medici foggiani contro il governo: “Così si dà fiato ai no vax”

Va giù duro il presidente dell’Ordine dei Medici di Foggia, Pierluigi De Paolis

“Aver chiesto un sacrificio a milioni di italiani che hanno fatto anche 3 dosi di vaccino e poi pensare di obbligarli al tampone per assistere a degli eventi, significa dare fiato ai no vax che si vedono avvallare la loro opinione negativa sui vaccini”. Va giù duro il presidente dell’Ordine dei Medici di Foggia, Pierluigi De Paolis che accusa il Governo di cattiva comunicazione a tal riguardo. “Non possiamo consigliare o obbligare il tampone a persone già vaccinate per poter assistere ad un qualsiasi evento. Non possiamo mettere sullo stesso piano una persona vaccinata con una che ha fatto solo un semplice tampone molecolare. Pretendiamo chiarezza da chi ci amministra”.

La Capitanata continua a registrare un andamento della curva epidemiologica del Covid-19 assolutamente sotto controllo, ed al tempo stesso segna una delle percentuali più alte di adesione al vaccino, con particolare riferimento ai numeri relativi alla terza dose. “Ci sono tanti contagi nel Foggiano ma la gente grazie al vaccino non finisce in ospedale e soprattutto non muore come accadeva lo scorso anno”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come