Acqua a Borgo Tre Titoli, il Comune di Cerignola dona due cisterne alla Caritas. “Condizioni di vita disumane”

L’assessora Dibisceglia: “Sinergia con le associazioni”. Bonito: “Situazioni che violano i diritti umani”

Due cisterne d’acqua per risolvere le numerose criticità esistenti all’interno dell’insediamento informale di Borgo Tre Titoli: per questo l’amministrazione comunale ha inteso donare alla Caritas il necessario per l’approvvigionamento idrico nella frazione di Cerignola. 

“Nelle nostre campagne – spiega l’assessore al Welfare e vicesindaco Maria Dibisceglia – vivono ormai stabilmente 400 immigrati tra uomini, donne e bambini, che nel periodo estivo diventano perfino 1300/1500. Le condizioni di vita di queste persone sono drammatiche, visto che in quella vasta area mancano diversi servizi: per questo, di concerto con la Caritas e tutte le associazioni di volontariato che prestano servizio in loco, abbiamo optato per una donazione che possa rendere un po’ più vivibile Borgo Tre Titoli”. Nei prossimi giorni le due cisterne, per un valore di 5000 euro, entreranno effettivamente nella disponibilità della Caritas di Cerignola, che da anni soccorre e sostiene le comunità africane insediatesi nella borgata. 

La giunta di Cerignola

“Non possiamo considerare ‘altro’ chi vive nelle nostre campagne ed è inaccettabile che Tre Titoli sia una terra senza diritti. L’unità di intenti con le associazioni che operano sul territorio è stata naturale e proseguirà nel solco della collaborazione e del sostegno fattivo verso chi vive in condizioni di estrema difficoltà”, sostiene Dibisceglia.

“L’acqua è un bene primario a cui tutti i cittadini devono avere accesso. Le condizioni di vita delicate in cui sono costretti a vivere i migranti aprono una serie di problematiche di natura igienico sanitaria e rappresentano un’intollerabile violazione dei diritti umani”, osserva il sindaco di Cerignola, Francesco Bonito. 

“È stato per questo che, allo stesso modo, abbiamo preso in carico la situazione di Borgo Tressanti avviando un’interlocuzione con la Regione Puglia per la realizzazione di un acquedotto rurale. Le borgate restano parte attiva dei nostri proponimenti e delle nostre azioni amministrative: Tre Titoli merita un’attenzione particolare per la complessità dei fenomeni esistenti”, conclude il sindaco di Cerignola. (In alto, borgo Tre Titoli, foto da terredifrontiera.info)



In questo articolo: