Parcheggi coperti, incassi quadruplicati con personale Ataf al Ginnetto di Foggia. Servizio verso gestione diretta

Non ci stanno i tecnici Ataf a vedere il fallimento dei due parcheggi coperti del Comune. Il tutto spinge verso una razionalizzazione della sosta e una nuova internalizzazione

Se il parcheggio Russo in Corso Garibaldi a Foggia ha perso auto con la fuoriuscita dei privilegi e della politica dal Palazzo, ed è pieno solo di sera il fine settimana, lo stesso non si può dire del Ginnetto. 2mila euro a settimana nel maggio del 2021 guadagnati grazie al parcheggio con personale Ataf a fronte di sole 487 euro, sempre in una settimana del mese di aprile, con operatori Apcoa.

Non ci stanno i tecnici Ataf a vedere il fallimento dei due parcheggi coperti del Comune di Foggia per la presunta inerzia del personale della società che gestisce il servizio della sosta. Secondo più di un ex amministratore dell’azienda di trasporto pubblico locale, la sosta può essere ancora redditizia, purché sfruttata e automatizzata con il giusto personale ad occuparsene.

Il tutto spinge verso una razionalizzazione del servizio e una nuova internalizzazione, che potrebbe essere decisa dal commissario straordinario Sebastiano Giangrande già prima del 31 ottobre, data in cui scade l’appalto Apcoa, che costa alle casse dell’Ataf 137mila euro al mese. “Potenza della tecnologia, una volta informatizzato il Ginnetto, messo personale Ataf e non Apcoa dopo una settimana gli incassi quadruplicarono”, osserva un insider.



In questo articolo:


Change privacy settings