Scherma al top, lo sciabolatore foggiano D’Armiento sulle orme di Samele. Vinto il torneo satellite di Plovdiv

Ha piazzato un doppio 15-4 in semifinale contro il turco Yildirim e in finale con il bulgaro Efimov, mettendo le mani sul trofeo

Vittoria italiana a Plovdiv, nel Torneo Satellite di sciabola maschile. Sulle pedane bulgare è stato il foggiano Francesco D’Armiento a salire sul gradino più alto del podio, aprendo nel migliore dei modi la sua stagione internazionale. Buona anche la prova di Alberto Arpino, che ha chiuso invece al quinto posto. La gara dello Sports Complex Sila era cominciata con entrambi gli azzurri protagonisti di sei vittorie in altrettanti assalti nella fase a gironi. D’Armiento ha proseguito il suo percorso netto battendo prima il bulgaro Panev per 15-2 e poi l’austriaco Chiari per 15-7. Nei quarti di finale per il 27enne atleta foggiano delle Fiamme Gialle il match più combattuto, vinto per 15-12 sul bielorusso Pinchuk. Da lì in avanti non c’è stata storia perché D’Armiento ha piazzato un doppio 15-4 in semifinale contro il turco Yildirim e in finale con il bulgaro Efimov, mettendo le mani sul trofeo. Plovdiv si conferma una città portafortuna per la scherma foggiana: dalla città bulgara, con la vittoria nel Mondiale Cadetti nel 2004, partì la carriera internazionale del plurimedagliato atleta olimpico Luigi Samele. In alto, un’immagine della premiazione di Francesco D’Armiento, sulla destra, con coppa e medaglia, abbracciato dall’altro azzurro Alberto Arpino. (foto Bizzi)

Torneo Satellite di sciabola maschile – Plovdiv, 25 settembre 2021
Quarti di finale
Raikin (Bul) b. Arpino (ITA) 15-11
Efimov (Bul) b. Albahrani (Ksa) 15-11
Yildirim (Tur) b. Mandov (Bul) 15-5
D’Armiento (ITA) b. Pinchuk (Blr) 15-12

Semifinali
Efimov (Bul) b. Raikin (Bul) 15-4
D’Armiento (ITA) b. Yildirim (Tur) 15-4

Finale
D’Armiento (ITA) b. Efimov (Bul) 15-4

Classifica (42): 1. D’Armiento (Italia), 2. Efimov (Bulgaria), 3. Raikin (Bulgaria) e Yildirim (Turchia), 5. Arpino (Italia), 6. Mandov (Bulgaria), 7. Pinchuk (Bielorussia), 8. Al Bahrani (Arabia Saudita).





Change privacy settings