Vaccini anti Covid, commissario Figliuolo oggi in Puglia. Ancora poche dosi, prossima consegna mercoledì 28 aprile

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha accolto alle 9.50 di oggi il Commissario Straordinario per l’emergenza Covid 19 Generale di Corpo d’Armata F. P. Figliuolo e il Capo della Dipartimento Protezione Civile Ing. Fabrizio Curcio nella sede del Consiglio regionale.

Due gli incontri in programma. Il primo sull’aggiornamento sullo stato di attuazione del Piano vaccinale. Le dosi per la Puglia, infatti, continuano ad essere molto poche e la prossima consegna è prevista soltanto mercoledì 28.

Presenti l’assessore alla Sanità Pierluigi Lopalco, la Presidente del Consiglio regionale Loredana Capone, il Sindaco di Bari Antonio Decaro, il direttore del Dipartimento Promozione Salute, Vito Montanaro, il dirigente della Protezione Civile Regione Puglia, Mario Lerario, il Comandante Militare Esercito Puglia, Colonnello Donato Ninivaggi, il Prefetto di Bari Antonia Bellomo, il presidente ANCI Puglia, Domenico Vitto, il presidente UPI Puglia, Stefano Minerva, il capo di Gabinetto Claudio Stefanazzi, il vice capo di Gabinetto Domenico De Santis, il direttore dell’agenzia regionale Asset Elio Sannicandro e le delegazioni del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid 19 e del Dipartimento Protezione civile.

“Sui 60-69 anni stiamo un po’ rallentando perché dobbiamo completare gli altri – ha spiegato Lopalco -, poi passeremo alla fascia successiva”. “Il programma della Puglia è perfettamente in linea con il piano nazionale”, ha replicato Figliuolo.  “Il criterio di riparto dei vaccini per la Puglia e le altre Regioni non cambia – ha precisato -: è ‘una testa un vaccino’, come deciso in Conferenza Stato-Regioni. Non c’è nessun cambiamento. I vaccini arrivano, quindi…”.

Il secondo incontro in collegamento video con i Prefetti della Puglia. La sessione di lavoro in sala consiliare si è conclusa con uno scambio di doni. Il Presidente Regione Puglia Michele Emiliano ha voluto donare al Commissario Figliuolo e al Capo della Protezione civile Curcio due bottigliette contenenti la Santa Manna di San Nicola, quale simbolo di unità di intenti, collaborazione e reciproco sostegno nella lotta al coronavirus.