“Minacciato di morte”, la denuncia di Casanova (Lega) in Tribunale a Foggia: “Non mi spaventano”

“Incredibile che di fronte ad un Paese che soffre, si debba utilizzare il tempo in Tribunale per difendersi dagli esaltati che ti minacciano di morte, così sottraendolo ai mille problemi degli italiani”. Con queste parole oggi l’europarlamentare della Lega Massimo Casanova, romagnolo ma lesinese d’adozione, ha fatto sapere di trovarsi in Tribunale a Foggia dopo le minacce ricevute da una persona di questa provincia, a quanto pare nota agli inquirenti.

“Succede anche questo amici miei. Ma se pensano di spaventarmi, hanno sbagliato persona. Io vado avanti, con cuore e coraggio così come ci insegna il nostro Capitano Matteo Salvini, anche oggi vittima dell’ennesimo, ignobile attacco. Solidarietà a lui”, ha concluso Casanova, patron del Papeete e amico fraterno dell’ex ministro dell’Interno.