“Iaccarino impeccabile, proposta di revoca è priva di fondamento”. L’avvocato del presidente del Consiglio comunale prova a riabilitare il suo assistito

In una lettera inviata ai consiglieri si insiste sull’illegittimità del provvedimento. “Non vi è violazione dei doveri”

“La proposta di revoca appare formalmente e sostanzialmente priva di fondamento giuridico: non vi è violazione dei doveri che derivano dalla titolarità del munus pubblico del presidente del Consiglio comunale”. È quanto scrive l’avvocato Potito Marucci, legale di Leonardo Iaccarino. Un cambio di strategia netto da parte del politico che ha cambiato il proprio legale in corso d’opera, passando dal proposito di dimissioni all’intenzione di non mollare la poltrona. Un caos scaturito dal video, ormai celebre, che ritraeva il presidente del Consiglio comunale mentre, la notte di capodanno, esplodeva colpi di pistola a salve dal balcone di casa. Dopo il filmato, tutti i consiglieri comunali hanno presentato una mozione di sfiducia dall’incarico di presidente dell’assise. L’avvocato ha ora inviato una lettera agli stessi consiglieri per affermare l’illegittimità del provvedimento di revoca depositato lo scorso 12 gennaio.

“La figura del presidente del Consiglio è di carattere istituzionale e non politica – scrive Marucci -, posta a garanzia del corretto funzionamento di detto organo e della corretta dialettica tra maggioranza e minoranza. Non può trovare spazio la paventata violazione del ruolo di garante della massima assise comunale in connotati di profili morali ed etico tali da ledere, secondo la proposta presentata, il prestigio e l’immagine dell’Ente locale”. Infine, il legale chiede a tutti i consiglieri il ritiro della proposta di revoca “tenendo conto dell’impeccabilità dell’attuale presidente nel ruolo istituzionale all’interno dei lavori consiliari o delle commissioni”.



In questo articolo:


Change privacy settings