Covid, attivata “zona grigia” all’ospedale Lastaria di Lucera. “Assistenza per pazienti con sintomi sospetti e tutela altri degenti”

“Al fine di garantire la massima sicurezza dei pazienti in attesa di ricovero e in considerazione del mutato bisogno assistenziale, è stata realizzata presso il plesso ospedaliero Lastaria di Lucera la cosidetta zona di area grigia“. Lo comunicano dal Policlinico “Riuniti” di Foggia. “Si tratta di una sorta di zona ‘filtro’ – spiegano – che ha la finalità di accogliere i pazienti, bisognosi di ricovero in acuzie, per il tempo strettamente necessario ad escludere con certezza una infezione da Sars-CoV2 in corso. La permanenza dei pazienti, con sintomatologia sovrapponibile a quella da Covid, in tale area, seppure limitata nel tempo, consentirà il loro successivo trasferimento in totale sicurezza presso i reparti di Medicina e di Lungodegenza e Geriatria, al fine di garantire la massima tutela degli altri degenti, in considerazione della particolare fragilità dettata dall’età e dalle concomitanti condizioni cliniche”.

Per tale finalità, si è disposto il trasferimento dei posti di degenza della Struttura Complessa di Geriatria, diretta da Massimo Zanasi – Direttore del Dipartimento “Medico-Geriatrico e Riabilitativo” – dall’ala sinistra del secondo piano Blocco E al piano terra (ex – UDT – Degenza Territoriale) e la trasformazione della stessa struttura in un modulo di “Geriatria – Area grigia” di degenza geriatrica con 12 posti letto, di cui 3 in stanza singola. Le risorse umane e strumentali saranno le stesse afferenti alla Struttura Complessa di Geriatria. Afferiranno alla suddetta “area grigia” i pazienti provenienti dal Pronto Soccorso del Policlinico Riuniti di Foggia, ad esclusione dei codici rossi. Inoltre, per rispondere al bisogno assistenziale del territorio e in considerazione delle nuove professionalità acquisite dal Dipartimento Medico – Geriatrico e Riabilitativo” potranno afferire all’area grigia anche i pazienti con indicazione al ricovero nei reparti per acuti, provenienti dall’ambito dell’attività ambulatoriale del Dipartimento del plesso ospedaliero Lastaria di Lucera.

In entrambi i casi, i pazienti saranno accolti in una stanza singola presso l’area grigia della Struttura Complessa di Geriatria e solo a conclusione di ogni opportuno iter diagnostico, volto alla ricerca di sintomi o segni di patologia Covid correlata, compreso l’esecuzione di tamponi per un lasso di tempo necessario ad escludere l’infezione, potranno essere trasferiti in un’altra stanza di degenza o reparto. L’area grigia della Struttura Complessa di Geriatria è fornita di adeguati percorsi “pulito-sporco” per i degenti e per il personale nonché aree di “vestizione e svestizione” per il personale stesso. Dopo ogni passaggio di un paziente, sarà effettuata opportuna sanificazione del percorso utilizzato.

“L’area grigia è particolarmente utile in un momento di crescita dei casi di ricovero, soprattutto di persone anziane, per patologie respiratorie anche post influenzali tipiche del periodo invernale, e quindi per patologie no Covid – sottolinea il commissario straordinario del Policlinico Riuniti di Foggia Vitangelo Dattoli. Le condizioni di sicurezza per i pazienti e per gli operatori rappresentano la stella polare dell’azione riorganizzatrice del Policlinico Riuniti che consentirà di tutelare al massimo il plesso ospedaliero No Covid del Lastaria di Lucera”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come