Un Foggia deludente cade a Teramo. Termina 2-0 allo stadio “Bonolis”, rossoneri quasi mai in partita

Termina 2-0 la gara tra il Teramo e il Foggia, valida per il recupero della terza giornata del campionato di Serie C – girone C. Primo tempo senza particolari emozioni. Le due compagini in campo non riescono a concretizzare i tentavi di incursione nelle rispettive aree avversarie. Nella ripresa, al 48’ e all’84’, i padroni di casa silurano un Foggia guardingo e attendista.

Mister Marchionni schiera in campo Fumagalli tra i pali; Germinio, Gavazzi e Anelli in difesa; a centrocampo Di Jenno, Kalombo, Salvi (K), Gentile e Curcio; in attacco Rocca e D’Andrea.
Nel primo tempo le squadre sembrano bloccate dando poche emozioni alla gara. In particolare, il Foggia sembra guardingo e remissivo. L’unico vera scossa della partita arriva al 42’ con il gol fantasma del Teramo, non concesso dalla terna arbitrale

Nella ripresa, i padroni di casa partono in attacco. Al 48’ il Teramo va in vantaggio con Cappa per un errore di Anelli in fase difensiva. Al 55’ arriva la prima vera occasione per il Foggia, che sfuma. Al 58’ punizione a limite dell’aria per il Teramo che finisce di poco sopra la traversa. Al 77’ si accende, improvvisamente, la partita del Foggia che prova ad assediare l’area avversaria. All’83’ Curcio prova un gran tiro dalla distanza. All’84’ Pinzauti fredda Fumagalli e segna il gol del doppio vantaggio. All’86’ Balde prova a riaprire la partita, ma non arriva sulla palla. Termina 2-0 allo stadio “Bonolis” di Teramo.



In questo articolo:


Change privacy settings