“La notte sentiamo scricchiolii, non vogliamo finire sotto le macerie”. Il disperato appello dal quartiere Cep di Foggia

“Abito al Cep, X circoscrizione, dove c’è il soffitto aperto. Il Comune il 24 giugno ha provveduto a mettere i pontili in cucina e corridoio con divieto di accesso ma nessuno è più venuto. Mi hanno lasciata così in casa, con il pericolo. Abbiamo denunciato la vicenda in procura lo scorso 3 luglio. Sono caduti grossi sassi dal terrazzo. La notte si sentono scricchiolii. Siamo stanchi, aiutateci. Non vogliamo finire sotto le macerie”. È il disperato appello di una cittadina foggiana, residente in uno stabile alla periferia della città.



In questo articolo:


Change privacy settings